Cronaca
Commenta

Procura di Milano: in lizza per
l'incarico c'è anche Pellicano

Nella foto, l'insediamento nel 2017 del procuratore

C’è anche il procuratore di Cremona Roberto Pellicano in corsa per la poltrona a procuratore di Milano. L’attuale capo della procura milanese, Francesco Greco, lascerà infatti l’incarico a novembre per andare in pensione. Il bando è scaduto venerdì, e alla carica hanno rinunciato personaggi come il procuratore di Napoli Giovanni Melillo e quello di Catanzaro Nicola Gratteri. Forse ci proveranno per il posto di procuratore nazionale antimafia in sostituzione di Federico Cafiero de Raho. Anche quest’ultimo, infatti, sta per andare in pensione.

Dunque tra i nomi in lista per il posto di procuratore di Milano c’è anche quello dell’attuale capo della procura di Cremona, che già aveva fatto domanda per il posto di procuratore di Genova. Insieme a Pellicano corrono anche, tra gli altri, il procuratore generale di Firenze Marcello Viola, Giuseppe Amato, procuratore di Bologna, Antonio Patrono, procuratore di La Spezia, Maurizio Romanelli, procuratore aggiunto di Milano.

Per il nostro procuratore, ex pm di Milano, il nuovo incarico sarebbe un ritorno a casa. A Cremona, Pellicano, 61 anni, originario di Sassari, si è insediato il 4 luglio del 2017. A Milano, dove è stato pm per una decina d’anni, ha perseguito in modo particolare i reati contro la pubblica amministrazione e in questi quattro anni a Cremona ha rivoluzionato il funzionamento degli uffici della procura.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti