Cronaca
Commenta

Progetto Ex.O, Degli Angeli
(M5s): “Giusta la nostra intuizione"

Obiettivo, Crema città dell’innovazione. È quanto il M5s si prefigge di raggiungere da anni. Arriva dai bandi Cariplo 1 milione di euro per il progetto “Ex.O. Hub dell’innovazione”. Al via, dunque, la riqualificazione strutturale ed energetica del sito universitario, che oggi è per metà in disuso e per metà ancora utilizzato per corsi professionalizzanti. Ma per il consigliere Degli Angeli il lavoro inizia proprio da qui: “Per troppi anni la scienza e la spinta propulsiva dei giovani
è stata offuscata da scelte comunali e provinciali miopi e senza smalto. Dal primo giorno del mio mandato, ho collaborato con la giunta comunale e con i rappresentanti delle associazioni territoriali per rendere centrale il tema della ricerca e dell’innovazione come leve di rilancio del territorio cremasco. Il M5S Cremasco ha creduto fortemente nel progetto di rilancio dell’area, ed è stato da stimolo costante per smuovere la grave inerzia nella programmazione territoriale: abbiamo
portato le nostre proposte in regione e ai Ministeri. Siamo soddisfatti che il comune di Crema abbia creduto nel progetto e l’abbia valorizzato. Il finanziamento è però un punto di partenza. Più che la ristrutturazione della scatola in sé, a me interessa la valorizzazione del contenuto stesso”.

Commenta il consigliere: “Partendo dall’ottimo lavoro che il comune ha saputo svolgere per l’approvazione del progetto, I fondi che arrivano da Regione e da Fondazione Cariplo costituiscono però solo un primo importante tassello, che se ben sfruttato porrà le basi per fare di Crema una vera e propria “Smart City”. I contributi ottenuti vanno visti come uno strumento di investimento per rilanciare il sito ex Olivetti a centro universitario di alta formazione: “Quella vera”, chiosa il consigliere pentastellato, il quale precisa: “È stato un lungo percorso. La Regione ha approvato i miei ordini del giorno, in particolare quello sulla ricerca operativa ( Odg 1487 del 16/12/2020 ndr), ma fino ad oggi non aveva mai messo mano al portafoglio. Ora anche regione, brava a parole e tirchia nei fatti, faccia la sua parte con continuità: costituisca, assieme al comune e agli Enti competenti, progettualità concrete e costanti che potranno dare a Crema un respiro di internazionalità nell’ambito della ricerca e dell’innovazione. Ad esempio? Si trovino fondi per riportare a Crema il Centro di Ricerca Operativa del prof. Righini, che per anni ha dato lustro alla città e permesso alle nostre aziende di catturare fondi per la ricerca (es. progetto ADCOM). Le carte in tavola ci sono tutte, giochiamole al meglio, mi auguro con l’aiuto del Pirellone, il cui contributo sarà fondamentale per la città e i nostri progetti innovativi”.

Precisa Degli Angeli: “La nostra città ha le dimensioni adatte e le potenzialità per avviare un processo coordinato per diventare una vera Smart City, di unicità regionale e nazionale, grazie alle competenze e alla tradizione del territorio. Perché ciò avvenga, tuttavia, oltre all’infrastruttura servirà investire su progetti veramente innovativi e in grado di rappresentare un unicum sul panorama internazionale. Se il centro nevralgico di questo progetto è l’area dell’Università, della Pierina e dell’ex Olivetti, sarà poi necessario via via coinvolgere i quartieri cittadini limitrofi, arrivando poi ad abbracciare i comuni dell’area omogenea Cremasca. Sfruttando ad esempio la banda larga e favorendo l’insediamento di Start Up innovative.
Conclude il consigliere pentastellato: “Il Governo Conte, con l’approvazione del nuovo piano dell’Innovazione 2025 ha messo le basi per poter sostenere l’apertura di nuovi hub territoriali e favorire la contaminazione di settori tradizionali del Made In Italy, come ad esempio la manifattura, la moda, il design, la cosmesi e il settore alimentare. Non mancano altresì quelli più innovativi legati all’intelligenza artificiale, all l’internet delle cose (IOT) o alle nuove tecnologie come la Blockchain. È fondamentale farci trovare pronti ed iniziare a ragionare anche in termini infrastrutturali. Quindi avanti, con l’augurio che Regione Lombardia sappia cogliere al massimo questa opportunità, continua il mio lavoro, assieme a quello del M5s cremasco per una città innovativa, etica, sostenibile, attenta ai bisogni degli anziani e che dia spazio ai giovani e alle
startup innovative”.

© Riproduzione riservata
Commenti