Cronaca
Commenta

"A Crema per 10 giorni nessuna
farmacia aperta in fascia serale"

(foto di repertorio)

“A Crema non ci saranno farmacie di turno in città per la fascia serale, dal 9 fino al 19 luglio. Non è ammissibile che il servizio venga garantito a settimane alterne, su turni decisi annualmente e che cambiano ogni 3 giorni. Sono troppo i disagi alla cittadinanza, per questo motivo depositerò una interrogazione in Regione Lombardia”. A denunciare il fatto è il consigliere regionale del M5s Lombardia Marco Degli Angeli, per il quale si tratta di “un fatto non accettabile sia viste le dimensioni intrinseche della città, 35 mila abitanti sia considerando che Crema è il comune di riferimento di un’intera area”.

Aggiunge Degli Angeli: “Non è ammissibile chiedere ai cittadini di dover fare 15 o anche 20 km per recarsi alla farmacia di turno più vicina. In tal senso sarà mia premura comprendere, assieme ad Ats Valpadana e Regione Lombardia, come poter meglio pianificare e organizzare la turnazione. La legge regionale che disciplina le farmacie va rivista nel modo più assoluto. Non è pensabile che sia garantita una farmacia di turno solo ogni 90 mila abitanti”.

“Questa misura – precisa Degli Angeli – penalizza e danneggia molto territori come quelli della nostra provincia, che non ha centri densamente abitati, ma un’estesa area provinciale”. L’obiettivo, per Degli Angeli, è contrastare questa ratio, “che come al solito penalizza i territori meno densamente popolati”. “Inoltre – conclude il consigliere – è mia intenzione proporre che ci sia per Crema, Cremona e Casalmaggiore, i tre principali poli della provincia, una farmacia di turno aperta ogni giorno durante la fascia serale”.

© Riproduzione riservata
Commenti