Cronaca
Commenta

Rave party a Maleo terminato
Identificati diversi partecipanti

nella foto di repertorio un rave avvenuto lo scorso anno a Spino d'Adda

Gli ultimi partecipanti al rave iniziato ieri sera a Maleo stanno lasciando il paese, quando sono le 16,30 di domenica 27 giugno. Un rave che ha attirato circa 700 persone nella ex cava Giroletta. Gli organizzatori avevano spaccato recinzione e lucchetti dando il via alla festa, con camion con a bordo casse acustiche e materiale per l’illuminazione dell’area e per la vendita di alcol.

Al momento sono ancora in corso le attività di identificazione e in alcuni casi di denunce da parte dei carabinieri di Codogno e Maleo e dureranno ancora per il resto del pomeriggio. Un bilancio esatto potrà essere fatto solo nella giornata di domani. Per tutta la notte, insieme anche al sindaco del paese lodigiano, Dante Sguazzi, le forze dell’ordine hanno monitorato la situazione.  Sequestrate inoltre attrezzature audio.

Nella notte, il sindaco aveva cercato di dissuadere gli organizzatori dal proseguire, anche per la palese mancanza di rispetto delle norme anticovid, ma era stato inutile. “Dagli accenti immagino che venissero da diverse parti del nord Italia”,  afferma Sguazzi, “ma l’impressione è che molti di loro non sapessero nemmeno di trovarsi a Maleo. Ora se ne sono andati, lasciando però sporcizia nei luoghi di passaggio e nelle piazze del paese”. Il luogo del rave è distante 2 km dal centro abitato, distanza percorsa da quasi tutti a piedi per recarsi alla stazione.

A Maleo di recente è stata certificata la presenza di tre casi di variante delta in un focolaio covid di 10 contagiati. gb

© Riproduzione riservata
Commenti