Scuole
Commenta

Agraria e Parco del Serio:
le premiazioni del concorso

Nell’ultimo sabato di lezione per l’anno scolastico 2020-2021, si è svolta presso la sede di viale Santa Maria, dell’Istituto Agrario Stanga la premiazione dei vincitori del concorso “L’Albero sul…Serio!”, nell’ambito della Festa dell’Albero, che anche quest’anno non è stata possibile tenere presso la location di piazza Duomo. Attraverso il tema del concorso, la sede di Crema dello Stanga ed il Parco Regionale del Serio, hanno inteso promuovere la valorizzazione dei luoghi caratteristici lungo il fiume Serio, resi unici dalla presenza degli alberi. Una giornata scelta non a caso, perché dal 1972, ogni 5 giugno, si ricorda la Giornata mondiale dell’ambiente, così come stabilito dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, in occasione dell’istituzione del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente.

Le scuole vincitrici. La giuria composta dal direttore Maccoppi, dal presidente Basilio Monaci e dai docenti Serena Cracolici e Fra Giorgio Rizzi ha indicato quali vincitori: per l’Infanzia, ex aequo per la Scuola Materna Regina Elena di Offanengo e la Scuola Materna di Castelnuovo (IC Crema Uno). Le classi 3A e 3B dell’Istituto Comprensivo “Rita Levi Montalcini” di Bagnolo Cremasco si sono imposti nella categoria delle scuole primarie, mentre per la secondaria di primo grado, ex aequo per Tommaso Cerioli e Samuele Pamovio della 2C dell’IC Crema Due (accompagnati dal dirigente Pietro Bacecchi) e la classe 1D dell’IC “Primo Levi” di Sergnano. Gli alunni Ilaria Cavalli, Elena Brusaferri e Lorenzo De Rosa dello Sraffa si sono distinti tra gli istituti superiori. Per tutti loro, attestati e premi in denaro, e per i più piccoli anche i gadget preparati dal corso socio sanitario dello Sraffa. Dai lavori delle varie scuole esposte nel cortile dell’Agraria, la rappresentazione e la riproduzione in diverse forme di ambienti lungo il Serio, ciascuno secondo la propria prospettiva, dai bambini, agli adolescenti, ai giovani.

Attenzione agli ecosistemi. Per il direttore Maccoppi, che dal giorno del suo insediamento ha puntato su valori come inclusione e sostenibilità, la soddisfazione di aver portato a termine il concorso anche in questo 2021, con la partnership del Parco del Serio e la vicinanza di tante scuole del territorio cremasco. Basilio Monaci in qualità di ex docente dell’Agraria ed ora presidente del Parco del Serio ha ricordato la sua particolare attenzione per la scuola di santa Maria e lo stimolo che il Parco intende dare per la continuazione della Festa dell’albero, “perché l’albero è l’elemento che ci aiuta a migliorare l’ambiente – ha concluso Monaci – e per i prossimi anni o riportiamo gli ecosistemi in un’ambiente naturale e sostenibile, oppure sarà per il pianete una vera catastrofe”

Il nuovo giardino. La premiazione del concorso è stata preceduta dall’inaugurazione del nuovo giardino della scuola, all’ingresso della sede di viale santa Maria. “Si tratta di un classico giardino all’italiana basato sull’arte topiaria”, ci dice il prof. Luigi Salvitti che ne ha curato la realizzazione in questi mesi, assieme alle classi 5D, 5G, 4D e 4G recuperando anche vecchi attrezzi della civiltà contadina. Non è ancora terminato, ma già si possono notare le caratteristiche: “Le principali essenze sono il bosso (buxus) e il tasso (taxus) e poi c’è il rispetto per i geometrie dell’architettura che dialoga con le forme regolari dell’edificio prospicente” dice il prof.

Un bel biglietto da visita per la scuola, che valorizza ulteriormente tutta l’area.

Ilario Grazioso

© Riproduzione riservata
Commenti