Cronaca
Commenta

Sanità, attenzione alta dal Tavolo
della Competitività provinciale

Nei mesi precedenti il Tavolo 5 Sistema Socio Sanitario territoriale, afferente al Tavolo della Competitività di Cremona, ha dato vita a un Comitato ristretto, che ha curato un documento di sintesi territoriale contenente le proposte di revisione riguardanti la legge regionale nr. 23/2015 da porre all’attenzione del Presidente Attilio Fontana e all’Ass. al Welfare Letizia Brichetto Arnaboldi Morati di Regione Lombardia.

Il Comitato ristretto, che ha guidato il lavoro di raccolta delle esigenze territoriali, è composto da soggetti istituzionali e specializzati nel settore, quali: il Presidente della Provincia di Cremona Mirko Paolo Signoroni, i Sindaci dei Comuni di Cremona, Crema, Casalmaggiore, Calvatone e Stagno Lombardo, il Presidente di ANCI Lombardia – dipartimento Welfare Guido Agostoni, il Presidente dell’Area Omogenea Cremasca Aldo Casorati, il Presidente di ARSAC Walter Montini, il Presidente dell’Azienda Sociale Cremonese Giuseppe Tadioli, la Presidente di Comunità Sociale Cremasca Angela Maria Beretta, la Presidente del Consorzio Casalasco Servizi Sociali Teodolinda Baroni, il Presidente dell’Ordine dei Medici Gianfranco Lima, il Direttore Malattie Infettive ASST di Cremona Angelo Pan, la Professoressa Associata dell’Università degli Studi di Milano Claudia Balotta, dai Consiglieri del Consiglio Provinciale Rosolino Azzali e Giovanni Gagliardi, dal Presidente del Consiglio delle Autonomie Locali Giovanni Rossoni e dal Direttore Generale di REI Reindustria Innovazione Ilaria Massari.

Il lavoro si inserisce all’interno della cornice più ampia del Tavolo 5 del Sistema Socio-Sanitario Territoriale, nato a seguito della situazione generata dalla pandemia da Covid-9 e l’alto impatto che essa ha avuto sul nostro territorio provinciale, nel mese di luglio del 2020, il quale possa essere luogo di dibattito e discussione degli aspetti in ambito socio-sanitario territoriale, con l’obiettivo di delineare prospettive condivise di sviluppo e innovazione del welfare di territorio.

Dato il momento storico, dal Tavolo è apparsa evidente l’esigenza di avanzare delle proposte per la revisione della legge regionale 23/2015 raccogliendo tutte le varie istanze territoriale sul tema socio – sanitario in una prospettiva di futura gestione degli interventi richiesti.

In quest’ottica appare sempre più vitale la coesione del Tavolo nel saper mantenere una visione strategica d’insieme. A riguardo, il Comitato ristretto, con l’appoggio e il supporto dei Consiglieri regionali Marco Degli Angeli, Matteo Piloni e Federico Lena, mantiene alta l’attenzione sulla tematica affinché siano ascoltate le esigenze del territorio dalla Regione Lombardia.

Il territorio si muove compatto garantendo, grazie ai lavori di concertazione del Tavolo, unità di intenti e visione d’insieme: tutte le istanze del territorio e delle tre aree (cremonese, cremasco e casalasco) trovano spazio nello sviluppo di un documento di sintesi territoriale contenente delle proposte di revisione riguardanti la legge regionale nr. 23/2015.

© Riproduzione riservata
Commenti