Lettere
Commenta

Ramadan: un’occasione per rinnovare
l’impegno a garantire tutti i diritti a tutti

da Emanuele Coti Zelati - Capogruppo del La Sinistra

I diritti di tutti vanno rispettati. Ancora di più: è compito della collettività e della politica che hanno l’onere e l’onore di rappresentare i cittadini lavorare affinché si compia pienamente la fruizione reale di tali diritti. Dobbiamo partire dal tanto che ancora, purtroppo, c’è da fare: la mancata piena realizzazione della parità di genere, i diritti delle persone con disabilità che rimangono spesso sulla carta, le discriminazioni a cui sono sottoposte le persone LGBTQIA. In questo elenco manca anche la possibilità di esercitare con pienezza e concretezza il diritto a seguire il proprio credo religioso, in uno Stato laico in cui è costituzionalmente ed effettivamente garantita la libertà di culto e di pratica dello stesso.

Unendoci a quanto fatto anche in diverse funzioni religiose cattoliche, rivolgiamo il nostro augurio ai concittadini di fede musulmana per il significativo tempo religioso in cui sono entrati e auspichiamo che questa sia l’occasione per rinnovare l’impegno di tutti affinché i diritti di tutti siano garantiti concretamente ed egualitariamente all’interno della nostra società, ancor più in un momento di fatica come quello di oggi.

In attesa del tempo in cui potremo dirci veramente inclusivi, ci rivolgiamo con rispetto a tutta la comunità islamica: Ramadan kareem.

© Riproduzione riservata
Commenti