Cronaca
Commenta

Vaccini, come funzionerà
la prenotazione su Poste italiane

l'hub vaccinale di Crema

Tra fine marzo e inizio aprile la Lombardia adotterà la piattaforma di Poste italiane per la prenotazione dei vaccini, già utilizzata in altre cinque regioni, dove ha sempre funzionato senza problemi (Calabria, Sicilia, Marche, Abruzzo, Basilicata).

Ma come funzionerà il nuovo sistema? La piattaforma consente di prenotare il vaccino attraverso molteplici canali. A differenza del sistema Aria, dunque, consentirà una prenotazione diretta, senza restare in attesa di messaggi che indichino data e ora (e che spesso non arrivano). Dunque la prenotazione online, sul sito dedicato, richiederà l’inserimento dei propri dati anagrafici, del numero di tessera sanitaria e del recapito telefonico

A questo punto si potrà selezionare data e luogo più comodi tra quelli a disposizione e, al termine, confermare la prenotazione con il codice che sarà inviato via sms.

Altra opzione è lo sportello Postamat, dove si potrà inserire la propria tessera sanitaria e seguire i passaggi come per la prenotazione online. Chi invece non è avvezzo alla rete potrà prenotare al telefono, contattando il numero verde 800.009.966 attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18 (escluso sabato e festivi). Infine, si potrà prenotare addirittura attraverso il postino, che farà la prenotazione usando il palmare che ha in dotazione.

La piattaforma delle Poste registra anche il vaccino avvenuto, inserendo il nominativo della persona nell’anagrafe vaccinale.

Chi si può vaccinare. In Lombardia, per ora, possono vaccinarsi gli over 80 (compresi i nati nel 1941), ma anche coloro che hanno un’età tra i 60 e i 79 anni e risiedono in comuni “ad alto rischio” (Soncino, per la provincia di Cremona). Continuano anche le vaccinazioni del personale delle scuole statali (docenti e non, supplenti, dirigenti scolastici), degli Istituti di Formazione Professionale (IFP), degli Istituti Tecnici Superiori (ITS), delle scuole paritarie, dei servizi educativi per l’infanzia e delle scuole per l’infanzia e del Sistema Afam.

© Riproduzione riservata
Commenti