Cronaca
Commenta

Gli studenti del Racchetti- Da Vinci hanno incontrato i parlamentari Salini e Benifei

Per oltre 200 studenti del liceo classico, linguistico e scientifico “Racchetti – Da Vinci” di Crema (CR) il progetto “I luoghi della democrazia” è proseguito con un incontro online con i parlamentari Massimiliano Salini e Brando Benifei.

Il percorso – che mira a innalzare la consapevolezza degli studenti circa la vita democratica a livello locale, nazionale ed europeo – si è concentrato sul funzionamento del cuore della democrazia europea e sui tanti fili che lo legano ai singoli stati e all’Italia in particolare.

I due parlamentari hanno raccontato di come le attività del parlamento europeo siano rigorose nelle modalità di realizzazione e nelle tempistiche, e di come queste chiamino in causa la buona preparazione di tutte le persone direttamente coinvolte nei lavori all’interno delle Commissioni.

In particolare nel corso dell’incontro è stato sottolineato come la possibilità di agire e di perseguire obiettivi sia davvero una variabile direttamente correlata con la preparazione dei singoli parlamentari.

Focus anche sul dibattuto rapporto fra Europa e singole sovranità nazionali, tema sul quale alcuni studenti hanno avanzato domande ai due parlamentari: quando le singole nazioni arrivano preparate in Europa e quando possono contare su funzionari che portano avanti progetti in modo serio, allora si vedono tutti i vantaggi dell’essere membri dell’Unione Europea, hanno spiegato i due politici indicando anche l’Europa come una fonte di modernizzazione e di razionalizzazione del paese.

Essere parte dell’Unione, in altre parole, serve a fortificare parti di politica nazionale che, se l’Italia non fosse in Europa, sarebbero sicuramente più fragili. Non è mancata una parentesi sull’attualità più recente, con qualche domanda sulla nomina di Draghi a capo del governo: Salini e Benifei hanno confermato che il nome del successore di Conte è stato accolto molto positivamente grazie alla statura, alle competenze e all’integrità morale riconosciute all’ex governatore della Banca d’Italia.

Il 26 febbraio il terzo appuntamento del ciclo sarà dedicato al Parlamento italiano con gli interventi di Claudia Gobbato, Luciano Pizzetti e Danilo Toninelli. Gli studenti cremaschi sono seguiti nel loro percorso dalla docente del Racchetti Angela Beretta (referente del progetto) e dal dirigente del “Racchetti – Da Vinci” Claudio Venturelli.

“Con questo progetto – commenta il dirigente dell’UST di Cremona Fabio Molinari – cresce la consapevolezza dei nostri studenti rispetto al funzionamento della nostra democrazia e, più in generale, rispetto ai diritti e ai doveri di ogni cittadino. Attraverso la viva voce di chi è impegnato nelle istituzioni, gli studenti stanno compiendo un viaggio che dal consiglio regionale di Milano li ha portati a Bruxelles e nel prossimo incontro li spingerà nuovamente verso Roma, per una ricognizione completa dei grandi luoghi della democrazia”.

© Riproduzione riservata
Commenti