Lettere
Commenta1

Ciclabile Offanengo-Romanengo:
due amministrazioni dovrebbero
riuscire a trovare un punto comune

da Gruppo di minoranza “La Rocca” - Romanengo

Signor Direttore,

finalmente sono iniziati i lavori della pista ciclopedonale che da Romanengo porta ad Offanengo. Come gruppo di minoranza “La Rocca – Lista Civica per Romanengo” esprimiamo la nostra soddisfazione nel vedere che i lavori sono iniziati e altresì vogliamo presentare un “promemoria comunale” sulla storia della ciclopedonale. Iniziamo col ricordare che questa maggioranza in comune, allora come minoranza, non era favorevole all’opera pubblica. Nel 2014 il progetto viene deliberato dalla Giunta comunale Cavalli/Scio (delibera n.° 61 del 6 maggio 2014). Eravamo nel 2014, poi vinse l’attuale amministrazione a traino leghista e cancellò il CUP del progetto e stralciando l’opera dal piano triennale dei lavori pubblici. Dunque anno 2014 e ora siamo nel 2021, e l’attuale amministrazione comunale riprende quel progetto. Dopo 7 anni di attesa la ciclabile per Offanengo la percorreremo. Siamo soddisfatti che si sia compresa l’esigenza di questa opera pubblica che permetterà di muoversi in sicurezza, sia a piedi che in bicicletta, in questo tratto di strada davvero pericoloso. Collegandoci con Offanengo sarà possibile raggiungere la ciclabile che porta a Crema. Ma non fermiamoci qua. Ricordiamo che è necessario mettersi in moto per completare il tratto di ciclabile verso Ticengo, coinvolgendo il Comune di Salvirola. Due Comuni amministrati dalla destra dovrebbero trovare “un tavolo comune”, e sedersi alla ricerca di un accordo sull’importante ciclabile, avendo già un pezzo romanenghese avviato e quello di Ticengo pronto. Sul tema ciclabili è importante collegarsi con ambiti territoriali. La Regione Lombardia ha varato un detto piano Marshal da cui Provincia di Cremona reperirà risorse per estendere e interconnettere la rete ciclopedonale territoriale provinciale. Il Consorzio territoriale cremasco ha predisposto un piano di rete ciclabili extraurbane in un progetto di mobilità sostenibili. Purtroppo il Comune di Romanengo ha una Giunta che non dialoga con questi Enti. Una saggia amministrazione comunale deve agire con la giusta ambizione e dovrebbe farsi trovare pronta con progetti nel cassetto per poter accedere a finanziamenti attraverso i bandi pubblici. Per amministrare con lungimiranza un Comune, occorre capire e progettare le esigenze pubbliche del paese di domani.

© Riproduzione riservata
Commenti