Ultim'ora
Commenta

Le richieste dei sindaci a
Regione Lombardia per
la Sanità cremasca

Nell’assemblea tenutasi ieri, 11 gennaio, i Sindaci del Distretto Asst di Crema hanno approvato all’unanimità un Ordine del Giorno, frutto del lavoro trasversale e condiviso da tutti i sindaci del territorio, che fa una sintesi di tutte le istanze in tema di sanità del territorio cremasco e chiede un finanziamento, di concerto con il Direttore Generale della Asst, e che oggi è stato inviato a Regione Lombardia e al nuovo assessore al Welfare.

Secondo gli amministratori locali non è più procrastinabile “una più efficace definizione delle competenze e dei relativi poteri decisionali in capo ad Ats e ad Asst, posto che la medicina del territorio necessita di una organizzazione omogenea su tutto il perimetro provinciale di Ats, ad emendamento di una riforma che ha di fatto messo in capo alle sole Asst sia gli aspetti territoriali che ospedalieri, senza un efficace coordinamento provinciale, accorpando territori anche molto diversi e distanti fra loro e rendendo più difficile il contatto degli organismi direttivi con le realtà e le esigenze sanitarie territoriali”.

Una delle principali volontà espresse nel documento è la realizzazione del Presst (presidio socio sanitario territoriale) a Crema e a Rivolta d’Adda, al fine di “rafforzare la sanità territoriale ed ospedaliera e concentrare tutti i servizi territoriali di Asst e Ats”.

Altra richiesta è quella dell’amplimento del presidio ospedaliero, a partire dalla piastra dell’emergenza urgenza, al pronto soccorso. Un intervento necessario considerato l’incremento degli accessi annui al nosocomio (66.000 in totale). Un occhio di riguardo viene riservato al comparto di cardiologia “eccellenza regionale di alto livello”, si legge nel documento, e all’area di accettazione e urgenza  che necessita di un “rafforzamento della funzione di degenza di medio-alta complessità con postazioni di monitoraggio e semintensive”. Presso la palazzina si punta ad una ristrutturazione complessiva dei tre piani (Medicina Generale, Nefrologia, Neurologia).

In allegato la lettera inviata stamani al presidente Attilio Fontana e all’assessora al Welfare, Letizia Moratti dal sindaco Stefania Bonaldi in qualità di presidente dell’Assemblea del Distretto ASST Crema.

© Riproduzione riservata
Commenti