Cronaca
Commenta

Nas Cremona, sequestrate nel Vicentino 900mila mascherine non conformi

Nas di Cremona ancora in azione sul territorio nazionale in tema di mascherine non conformi. Dopo l’operazione dello scorso ottobre, quando erano stati sequestrati 30mila dispositivi in magazzini di Cremona e Brescia (qui l’articolo completo), i militari, unitamente al  personale dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli di Trieste, a conclusione di un’attività ispettiva condotta presso un deposito in provincia di Vicenza riconducibile ad una società  specializzata nella distribuzione sul territorio nazionale di dispositivi medici di protezione individuale, avente sede legale a Milano, hanno dato esecuzione ad un sequestro  amministrativo di 900mila mascherine facciali, importate dalla Repubblica  Popolare Cinese, per un valore complessivo di 1.500.000 euro. Tale  provvedimento scaturisce dall’analisi documentale a seguito della quale è stata accertata la  mancanza di attestazioni inerenti la conformità CE prevista per i dispositivi di ‘classe I’. I Nas di Cremona, sempre in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane di Trieste, avevano già operato anche in provincia di Pavia lo scorso 12 dicembre quando erano state sequestrate altre 800mila mascherine di provenienza cinese.

© Riproduzione riservata
Commenti