Cronaca
Commenta

Crema, scompare all'età di 63 anni il Comandante della Polizia Locale Semeraro

La morte di Giuliano Semeraro, dal 2014 comandante della Polizia Locale di Crema è una di quelle notizie che non si vorrebbero mai pubblicare. Crema non perde solo un valido rappresentante delle forze dell’ordine, ma un uomo umile, disponibile, attento agli altri. Capace di guidare il comando senza alzare la voce. Un lavoratore serio e preparato, che non ha smesso di compiere il proprio dovere nonostante l’affaticamento dovuto alla malattia, della quale difficilmente parlava. Questo perché era un uomo riservato, ma anche perché non era nel suo carattere piangersi addosso.

Giuliano era una di quelle persone che colpivano per la grande umanità e l’attenzione e al prossimo. Ricordo quando ebbi un piccolo incidente: non conoscevo ancora il comandante, ma si informò circa le mie condizioni di salute.
Quando ci incontrammo di persona, per lavoro, la prima domanda fu: “Va meglio?”

Una volta gli chiesi come facesse a gestire tutte le richieste di tante persone così diverse tra loro. Mi rispose: “Ambra, nel mio lavoro, come nel tuo, bisogna ascoltare. Non sentire, ma ascoltare”. Ciao, comandante. O come mi ripetevi spesso: “Giuliano è sufficiente”.

Ambra Bellandi

Il Comandante della Polizia Locale di Crema, Giuliano Semeraro, è scomparso oggi, sabato 14 novembre, dopo una malattia combattuta a lungo e che purtroppo non gli ha dato scampo. “Il Comune tutto, la giunta comunale, apprendono affranti questa notizia e rivolgono il cordoglio più profondo ai familiari”, si legge in una nota del sindaco Bonaldi. Il funerale si terrà lunedì 16 novembre a Mulazzano (LO), presso l’Oratorio, alle ore 15.

Di seguito il testo del ricordo dell’Amministrazione comunale:

“Ha svolto il suo ruolo svolto con grande serietà professionale unita a un garbo che chiunque l’abbia conosciuto difficilmente potrà scordare. In questi anni ha contribuito in modo determinante a far crescere il comando di P.L., a integrarlo sempre di più in unottica interforze, mostrando che le sue donne e i suoi uomini erano pronti a stare al fianco dei cittadini per la loro sicurezza: il lavoro fatto in questi mesi straordinariamente impegnativi a causa della pandemia ne èla prova. Per la città di Crema – si legge ancora – è una perdita dolorosa, e nulla può lenire il fatto che fosse diventata purtroppo prevedibile considerando l’aggravarsi del suo stato di salute”.Il sindaco, Stefania Bonaldi, ha commentato: Il nostro caro Comandante della Polizia Locale, Dott. Giuliano Semeraro, ha smesso di soffrire. Colpito da tempo da una grave malattia, ha sempre combattuto con grandissima dignità e altrettanta tenacia.

Negli ultimi mesi – ha aggiunto Bonaldi – il male lo aveva realmente prostrato, eppure in pieno lockdown, nonostante avessimo tentato in tutti i modi di dissuaderlo, aveva voluto tornare al suo posto, con le donne e gli uomini del Comando di Crema, per servire la nostra Comunità, così ferita e messa in ginocchio dalla pandemia. Poi, da giugno, è stato costretto ad assentarsi, senza nemmeno l’ultima soddisfazione di vedere i suoi uomini premiati, in piazza, alla presenza del Prefetto, con le altre Forze dell’Ordine”.

Il primo cittadino ha quindi aggiunto: “Piangiamo un Servitore dello Stato esemplare. Di grandissima umiltà e modestia, onesto, pacato, leale, di un garbo non comune; il ruolo e la responsabilità del Comando non hanno mai minimamente scalfito queste doti umane, prima ancora che professionali, che ne facevano un punto di riferimento serio, affidabile, qualificato”.

“Il Comune di Crema e l’Amministrazione – ha concluso il sindaco – perdono un collaboratore fedele, rigoroso, serio, capace di cooperazione sincera e di raffinata sensibilità, che ha onorato fino all’ultimo la divisa che portava e servito la nostra Comunità con devozione e con rispetto. Alla moglie Silvia, alla figlia e a tutti coloro che gli hanno voluto bene la nostra vicinanza commossa e il nostro cordoglio carico di affetto e riconoscenza”.

Al ricordo dell’Amministrazione si aggiunge quello del consigliere regionale del Pd Matteo Piloni:

“Caro Giuliano, quest’anno terribile si porta via anche te. Sei stato il comandante della polizia locale di Crema, ma il nostro rapporto è andato ben oltre quello istituzionale. E proprio per questo abbiamo continuato a sentirci. L’ultima telefonata quest’estate, per segnalarti un problema in un quartiere, che ovviamente è stato risolto grazie alla tua grande disponibilità. Poi non ci siamo più sentiti. Grazie di cuore per quanto hai fatto per la nostra città, che in questi anni hai imparato a conoscere e “servire” come fosse la tua. Tra le tante cose fatte ricordo il progetto dei varchi e delle telecamere nei nostri quartieri, realizzato con una bella collaborazione tra tutte le forze dell’ordine che hanno contribuito. Un progetto al quale tenevo molto, e tu lo sapevi. E anche per questo mi avevi accompagnato per decidere ogni singolo punto della città in cui installarle. Grazie Giuliano, per tutto! Alla tua famiglia, e a tutti gli agenti della polizia locale di Crema la mia più affettuosa vicinanza”.

 

© Riproduzione riservata
Commenti