Ultim'ora
Commenta

Venerdì in duomo la messa
per i ricordare i soci Mcl
deceduti a causa del virus

Una celebrazione in ricordo dei soci Mcl deceduti a causa del coronavirus. Lo annuncia il presidente Mcl Cremasco Michele Fusari, attraverso una lettera:

“Carissimi, il tempo che abbiamo vissuto in questi mesi, fin dallo scorso febbraio e che stiamo ancora vivendo nella stretta attualità di questi giorni, ha duramente colpito e ahimè continua a colpire i nostri territori. L’emergenza sanitaria sembra non arrestarsi, anzi, dopo la durissima fase di lock-down vissuta nella prima parte di quest’anno 2020, siamo ancora a chiederci cosa sarà in queste prossime settimane e in questi prossimi mesi. Anche il Movimento Cristiano Lavoratori, molto radicato nei nostri territori di azione, ha avuto tanti , tantissimi soci (circa 200 tra coloro che frequentavano i nostri circoli o che si avvalevano delle nostre strutture operative dei servizi alla persona) che il Covid 19 si è portato via , il 3 % dei 7900 soci che abbiamo tesserato nell’anno (una percentuale importante !!!) ma soprattutto volti , storie di vita fatte di relazioni che si sono intrecciate con la nostra realtà associativa sostenendone i principi e gli ideali.

Ma il MCL tutto nella sua coralità ha mostrato grande capacità di “resilienza” in questi mesi, non ha abdicato al suo ruolo di corpo intermedio vivo e attivo che cerca (nei modi in cui è oggi possibile fare) di essere prossimo e andare incontro ai bisogni della gente che incontra; di ciò ho già avuto modo di elogiare pubblicamente la nostra “rete” a 360 gradi fatta di persone che non hanno mollato e hanno continuato a lottare in questa che tutti hanno definito essere come una guerra.

Lo abbiamo fatto anche per loro, per i nostri soci defunti in questo tempo di pandemia, defunti che vogliamo globalmente ricordare nella Santa Messa di venerdì 23 ottobre alle ore 18 nella Cattedrale della diocesi di Crema, diocesi “casa madre” dei nostri territori di azione e competenza celebrata dal Vescovo di Crema Mons. Daniele Gianotti e concelebrata dall’assistente ecclesiastico MCL Don Angelo Frassi.

Siamo tutti quindi invitati a partecipare testimoniando, con la nostra presenza alla celebrazione, il vivo ricordo delle persone a noi care che non ci sono più convinti che la speranza cristiana avrà sempre l’ultima parola, anche sulla morte”.

La celebrazione eucaristica segnerà anche l’inzio ufficiale del nuovo anno sociale 2020-2021 per tutto il Movimento.

 

© Riproduzione riservata
Commenti