Commenta

Rientravano nel lodigiano
con la cocaina da spacciare:
arrestati due stranieri

Nonostante i divieti e la costante presenza dei Carabinieri sulle strade della provincia per far rispettare i divieti imposti dai Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri e lotta alla criminalità, tre cittadini di origine marocchina G.L di anni 35, G.Y. di anni 24 residenti nel lodigiano e A.H. 25enne irregolare sul territorio nazionale, nella mattinata di ieri martedì 7, sono stati controllati in Pianengo dai militari della Stazione di Camisano.

I Carabinieri, incrociavano l’autovettura sulla quale i tre viaggiavano, presumibilmente provenienti dalla bergamasca, ed attirati dalla presenza sul sedile posteriore di A.H., noto ai militari perché già arrestato per reati inerenti lo spaccio di droga, decidevano di fermare l’autovettura condotta dalla donna G.L.. Sia la presenza di A.H. che il comportamento nervoso degli altri occupanti dell’autovettura, inducevano i militari ad effettuare una perquisizione personale trovandoli occultati nel vano porta oggetti e sulla persona di G.Y. complessivamente ben 246 gr. di sostanza stupefacente di tipo cocaina.

Le successive perquisizioni domiciliari a carico dei tre, permettevano inoltre di recuperare il bilancino di precisione utilizzato per la suddivisione in dosi della cocaina.

I Carabinieri al termine degli accertamenti, deferivano i tre soggetti in stato di arresto alla Procura della Repubblica di Cremona, che disponeva per G.L. e G.Y. gli arresti domiciliari e per A. H. la custodia in camera di sicurezza presso la Stazione di Vailate in attesa dell’udienza di convalida prevista per questa mattina.

Nel corso dell’udienza di convalida svolta in videoconferenza dalla Compagnia di Crema il Giudice del Tribunale di Cremona ha convalidato per tutti i soggetti l’arresto eseguito, ha disposto il rinvio del procedimento al 21.04.2020 ed ha collocato, in attesa dello stesso, rispettivamente G.L. in libertà, G.Y agli arresti domiciliari e A.H. alla misura della custodia cautelare in carcere.

© Riproduzione riservata
Commenti