Commenta

Domenica con il Fai: il 2
febbraio visita alla chiesa
della Santissima Trinità

Domenica 2 febbraio alle 15, appuntamento con il Fai di Crema, alla chiesa della Santissima Trinità. La delegazione, in collaborazione con il Parroco don Remo Tedoldi, organizza una visita speciale alla chiesa con la lettura introduttiva di un breve saggio di Carlo Piastrella.

Il percorso di visita si estenderà al coro e alla sacrestia, inoltre, in via eccezionale, saranno esposte due opere attribuite a Gian Giacomo Barbelli. Interverranno Christian Campanella (architetto e docente di restauro architettonico), don Giorgio Zucchelli (direttore de “Il Nuovo Torrazzo”, giornalista e storico dell’arte), M° Alberto Dossena (organista e organologo).

Il più antico documento che fa riferimento esplicito alla chiesa della Santissima Trinità in Crema è il privilegio di papa Urbano II emanato da Piacenza il 16 marzo 1095 a favore dell’abate di Cluny, Ugo. Nei secoli, altri edifici sacri hanno preceduto l’attuale, capolavoro dell’architettura barocca nel territorio cremasco, costruito tra il 1737 e il 1740, dopo la demolizione della chiesa preesistente, attribuito all’architetto Andrea Nono, capomastro e direttore dei lavori.

Sviluppata in altezza e inserita in uno spazio stretto tra altri edifici, la chiesa della SS. Trinità sorge all’inizio di via XX Settembre e spicca per il fasto e l’effetto scenografico creato dalle sue due facciate; il prospetto più imponente, su via XX Settembre, è affiancato dal campanile, l’altro fronte, posto ad angolo con uno spigolo arrotondato, è la facciata principale e prospetta su un vicolo.

© Riproduzione riservata
Commenti