Commenta

Asilo nido comunale,
M5S all'attacco: 'Struttura
con gravi carenze'

Manuel Draghetti

Il M5S Cremasco torna sulla situazione dell’Asilo Nido comunale di via Dante/Pesadori di Crema. “Dopo aver ricevuto alcune lamentele in merito alle condizioni climatiche degli ambienti (freddi d’inverno e troppo caldi d’estate), sulla perdita d’acqua di alcuni wc e sulla necessità di approntare interventi di piccola manutenzione, nel mese di luglio il Movimento si è fatto promotore di un’Interrogazione, ricevendo una risposta molto generica e senza alcun impegno concreto da parte dell’Assessore Gennuso” fa sapere il portavoce Manuel Draghetti una nota.

E’ stato propio lui che, ricevute  segnalazioni di genitori che lamentavano l’uso di pannolini maleodoranti di muffa, insieme all’attivista Tina Bettinelli, ha visitato la struttura che ospita il servizio. “Da un lato, si è avuto la conferma di un personale eccellente, disponibile, pieno di energia, passione e motivazione nell’accudire i piccoli: un capitale umano che rende il servizio un’eccellenza nel panorama cittadino e a cui speriamo sempre più famiglie possano accedervi” si legge nel documento.

“Dall’altro lato si è avuta la riprova sulle carenze della struttura che accoglie il servizio. L’ambiente è molto umido, con temperature poco adatte alle diverse stagioni, con travi di legno che perdono polvere e pezzi; i pavimenti sono vetusti e rovinati e tali da non permettere la loro pulizia in ogni loro angolo. Sono ancora presenti le perdite di acqua dai wc. La condizione peggiore che si è potuto rilevare è quella in cui versa l’ambiente sotterraneo, ove sono presenti moltissima umidità, gran quantità di muffa su tutte le pareti, oltre che un odore insopportabile. Qui, purtroppo, vengono conservati moltissimi pacchi di pannolini e materiale vario”.

Inoltre, leggendo il contratto di locazione dell’immobile stipulato tra la proprietà (Fondazione Benefattori Cremaschi) ed il Comune, reperito attraverso l’Albo Pretorio del Comune di Crema, “sorge il dubbio che l’edificio potrebbe non essere dotato di Certificato Prevenzione Incendi (Cpi)” scrive ancora Draghetti. “Per questa ragione, è stata recentemente presentata un’apposita interrogazione per chiedere se l’edificio sia fornito o meno di CPI o se sia stato comunque avviato il percorso per il suo ottenimento. È stato anche chiesto se l’edificio sia dotato di certificazione in materia di sicurezza impiantistica (impianto elettrico, riscaldamento, ecc.) e di documentazione attestante l’agibilità.

Purtroppo, si deve stigmatizzare il comportamento dell’Amministrazione che non è in grado di garantire adeguate condizioni per assicurare un’erogazione più consona del servizio. Ci si dovrebbe attivare, da un lato, per migliorare da subito la situazione attuale e, dall’altro, per trovare una struttura nuova ed adatta in cui trasferire il servizio, per fare di Crema una città davvero ospitale.

Il M5S Cremasco monitorerà la situazione, in primis di questa struttura, ma anche quella di altri plessi scolastici, e stimolerà l’Amministrazione, proponendo anche soluzioni concrete, affinché si possa offrire uno spazio migliore per accogliere quelli che saranno i Cremaschi adulti… del futuro”.

© Riproduzione riservata
Commenti