Commenta

Spino d'Adda: la
Bomi Group lancia il
Welfare Plan 2019-2020

Bomi Group, multinazionale leader nel campo della logistica integrata a servizio del settore Healthcare, è lieta di annunciare il lancio del Piano Welfare 2019-2020, un documento articolato ed innovativo che prevede un sistema di offerta di beni e servizi per premiare quanti hanno contribuito al successo del trasferimento nel nuovo Headquarters di Spino d’Adda, in provincia di Cremona, nonché un insieme di iniziative volte ad incrementare il benessere dei lavoratori e delle loro famiglie, introducendo misure innovative di work-life balance.

Il progetto, proposto in misura sperimentale in Italia ma presto estendibile alle altre filiali del Gruppo, conferma l’attenzione dell’azienda alle tematiche di sostenibilità non solo ambientale ma anche economica e sociale, con un focus particolare alla salute dei lavoratori e alla creazione di un contesto lavorativo inclusivo, performante e innovativo.

I drivers che hanno portato alla creazione del piano sono molteplici:
 Employee centricity (mettere la persona al centro della organizzazione),
 Work-life balance (favorire un maggiore equilibrio tra vita privata e vita lavorativa),
 Belonging (consolidare il senso di appartenenza),
 Healthcare (contribuire al benessere e alla salute dei lavoratori),
 Accountability&Reliance (aumentare l’auto-responsabilità delle persone e la fiducia nei confronti
dell’azienda),
 Sustainability (contribuire alla riduzione delle emissioni di CO2 nell’aria),
 Happiness (generare felicità).

Per la progettazione del piano, Bomi Group ha scelto di avvalersi delle opportunità promosse da “Governare gli equilibri: una rete territoriale per promuovere la conciliazione”, progetto finanziato da Regione Lombardia con lo scopo di promuovere le politiche di conciliazione vita-lavoro mettendo in comunicazione il mondo produttivo, le opportunità del territorio e l’ente pubblico.

Due responsabili del dipartimento HR di Bomi Group hanno seguito il percorso per diventare Welfare Manager, hanno analizzato il fabbisogno dei lavoratori, le opportunità del territorio e del mercato, e infine lavorato ad un piano che guardasse alla sostenibilità come fattore portante di tutte le azioni, puntando su un cambiamento culturale del management, una collaborazione attiva con il terzo settore e l’ente pubblico e non da ultimo un continuo coinvolgimento di lavoratori. In concreto le principali azioni previste dal piano sono: flexible benefits, corporate benefits (ovvero mpromozioni e sconti per acquisti on line), flessibilità oraria, car-pooling aziendale, introduzione dello smart working, convenzioni con strutture mediche e odontoiatriche, supporto per l’assistenza a familiari anziani o disabili, accesso agevolato all’ asilo nido comunale, piano di accompagnamento e rientro dopo congedi di
lungo periodo, Family Day, Volunteering Day, iniziative di solidarietà tra colleghi e non da ultimo un piano più efficiente di comunicazione interna e di coinvolgimento dei lavoratori sulle tematiche della conciliazione vita-lavoro.

© Riproduzione riservata
Commenti