Commenta

Pullman tra Crema e Milano,
una pendolare scrive ad
Autoguidovie: 'Troppi ritardi'

E’ polemica da parte dei pendolari nei confronti di Autoguidovie, in merito al servizio pullman della linea K521 tra Crema e Milano, e in particolare relativamente agli orari di arrivo a Crema/San Donato/Rogoredo. Le lamentele sono contenute in una missiva inviata da una pendolare, Paola Scorsetti, in rappresentanza di tutti i pendolari, alla dirigenza dell’azienda e alle istituzioni.

“Assieme a molti altri pendolari stiamo rilevando gli orari di arrivo a Crema/ San Donato / Rogoredo e ogni singola rilevazione mostra l’inefficacia del nuovo orario, anzi addirittura conferma la dannosità dello stesso perché grazie alla vostra trovata di allungare il percorso in superficie fino a Rogoredo e al taglio di numerose corse, a noi tutti si è allungato il percorso casa-lavoro di almeno 20 minuti / mezz’ora al giorno” scrive.

Le richieste dei pendolari cremaschi, già più volte sottoposte all’azienda, sono: “La reintroduzione del vecchio orario, comprese le corse cancellate. la cancellazione della fermata di Rogoredo che non serve a nessuno, né in ingresso, né in uscita da Milano; le dimissioni di chi ha concepito una simile nefandezza”. Scorsetti si rivolge ai vertici di Autoguidovie: “Invece di aiutarci ad arrivare prima a casa e al lavoro, in sicurezza, ci avete affossato la vita ancora di più, facendoci accumulare ritardi, viaggiare in piedi in modo totalmente insicuro, ecc. Giocare con la vita dei viaggiatori pendolari, che sono già di per sé una categoria penalizzata perché oltre alle ore passate al lavoro vengono loro sottratte alla vita familiare e personale le ore del viaggio, dimostra una superficialità inaccettabile per chi ricopre un posto con impatto sul vasto pubblico di utenti”.

Si chiede inoltre di spostare l’orario “della riunione organizzata per il 1 ottobre: vi invito a nome anche degli altri pendolari a cambiare orario perché farla al pomeriggio vuol dire impedire a molti lavoratori pendolari di partecipare. La riunione va organizzata a Crema un sabato mattina o una sera”.

ALCUNE RILEVAZIONI ORARI, DISAGI, RITARDI, ECC della LINEA K521 (fatte dai pendolari):

Venerdì 13 SETTEMBRE:  ore 15.10 il bus parte da San Donato per Rogoredo, arrivato a Rogoredo trova incidente sul Viale di Santa Giulia e resta fermo in attesa. Siccome la coda causata dall’incidente non si sbloccava i passeggeri sono scesi, sono andati a piedi a Rogoredo, preso la metro e tornati a San Donato dove hanno preso bus delle 16.10.  Questi ritardi capitano quando si entra in città e quando si allunga il percorso in zone residenziali con viali stretti che non consentono grandi manovre ai pullman.

Lunedì 16 SETTEMBRE: Il Pullman delle 18.45 parte da San Donato, va a Rogoredo, raccoglie qualche pendolare e ripassa da San Donato alle 18.57 (altro che 4 minuti!!!)

Lunedì 16 SETTEMBRE: il Pullman delle 19.30 parte da San Donato, raccoglie 10 persone a Rogoredo e lascia Rogoredo alle 19.39 (altro che 4 minuti!!)

Segnalazione su Orario: Al mattino tra le 7.00 e le 07.40 partono 5 corse da Crema. 3 corse transitano all’interno di San Donato (giro ENI) prima di giungere a una fermata MM3 allungando i tempi causa intenso traffico (ingorghi semafori e traffico cittadino orario di punta). Solo due corse (partenza ore 7.10 e 7.30) sono dirette Crema-MM3. La fascia oraria 7,00 – 7,40 ha solo 2 corse utili ai pendolari: sono poche, è troppo penalizzante.

Martedì 17 SETTEMBRE: bus delle ore 16.40 da San Donato: con l’aggiunta delle fermate ENI anche al ritorno si raccolgono troppi passeggeri; risultato: viaggiamo pieni e con 6 persone in piedi. Inoltre, rispetto al vecchio percorso (da MM3 direttamente a Crema) a questa corsa si sono aggiunti 20 minuti in più di percorso

Martedi 17 SETTEMBRE: una pendolare ENI ci conferma che ormai col nuovo orario timbra in ufficio verso le 8.15; prima arrivava per le 7.50 – 8.00 (le timbrature sono disponibili per essere visionate). Idem dicasi per la sottoscritta che lavora in centro Milano; prima timbravo alle 7.50 – 8.00 al massimo; ora 8.15-8.20.

Martedì 17 SETTEMBRE: La corsa delle 18.00 parte da San Donato, va a Rogoredo e ripassa da San Donato alle 18.13 (allego foto n. 14 della coda sul cavalcavia, alla faccia di quelli che dicono che “tanto in tangenziale non c’è mai nessuno in quella tratta lì”. Il traffico a Milano c’è sempre, soprattutto in superficie ed andare a Rogoredo significa metterci 13-15 minuti per fare una tratta coperta in 70 secondi di metropolitana e che soprattutto non serve a nessun cremasco!!)

Martedì 17 SETTEMBRE: una pendolare rileva che più di una volta il bus passa quasi con semaforo rosso a Paullo al mattino per dimostrare che gli autisti stanno negli “orari” del loro monitoraggio; iltema della sicurezza è importante, non trascurabile. Ormai molte persone viaggiano in piedi e quando ci lamentiamo ci viene risposto che “in paullese si può stare in piedi anche fino a 20 persone”: ma scherziamo? Noi paghiamo 1039 euro di abbonamento annuale per stare in piedi?

Martedì 17 SETTEMBRE: una pendolare ci mostra una tabella in cui sono riportati i monitoraggi del nuovo orario in confronto agli orari in vigore dal 05/11/2018. Sono state eliminate le corse ENI ma come si può vedere (tabella foto 15) siamo passati dai 45/65 minuti ai 68/70 minuti di percorrenza (orari stimati). E le Autoguidovie hanno anche il coraggio di dire che arriviamo in anticipo con il nuovo orario!

Mercoledì 18 SETTEMBRE: La corsa delle 19,30 parte da San Donato, va a Rogoredo e ripassa da San Donato alle 19,42. Si arriva a Crema, fermata Velodromo, alle 20.30. Prima arrivavo al Velodromo alle 20,30 prendendo il bus delle 19,50 (vecchio orario)

Mercoledi 18 SETTEMBRE: il Pullman delle 16.40 raccoglie 27 passeggeri in tutto, di cui 7 saliti nelle fermate ENI. Il fatto di aver eliminato il bus delle 17.00 che entrava ai Palazzi ENI si sente: i passeggeri ENI e delle altre società in San Donato che anche stamattina hanno registrato ritardi in arrivo, non riescono comunque a prenderlo se non in casi eccezionali (anche perché se arrivi tardi al mattino, ti devi fermare a recuperare la sera… almeno per noi lavoratori dipendenti è così, ma questo è un concetto estraneo alle Autoguidovie). Non è un vantaggio e devono comunque aspettare il 17:20. Tempo di arrivo alla fermata delle Galmozzi (Largo Partigiani d’Italia): 17.51. La vecchia corsa “diretta” delle 16.35 arrivava alle 17.27. Praticamente col nuovo orario questa corsa ha impiega quasi il 50% di tempo in più!!

Giovedì 19 SETTEMBRE: corsa delle 18.45 da San Donato; vedere foto n. 16 scattata dopo aver raccolto alle 18.56 anche i pendolari di Rogoredo: si viaggia in piedi per 40 km!!! E si ripassa dal Cavalcavia di San donato alle 19.01. Partendo alle 18.45 da San Donato, se non ci fosse stato l’allungamento a Rogoredo, alle 19.01 si era già arrivati a Pantigliate come minimo.

Giovedì 19 SETTEMBRE: il Pullman delle 16.40 arriva a Crema, grazie al giro di Rogoredo, ecc., alle 18.10. e’ vergognoso! Quasi due ore per fare Crema Milano a metà pomeriggio. Ricordo che con il 16.35 diretto prima si arrivava a Crema alle 17.25 circa (50 minuti, non un’ora e mezza!!!!)

Giovedì 19 SETTEMBRE: il Pullman delle 18.00 arriva a Crema, grazie al giro di Rogoredo, ecc., alle 18.55. Ricordo che con il vecchio orario il pullman delle 18.00 arrivava a Crema attorno alle 18.40.

Venerdì 20 SETTEMBRE: Il Pullman delle 6.47 entra in Zelo Buon Persico e raccoglie passeggeri in 3 fermate. Quando alla terza facciamo notare che il nostro bus è un diretto e non fa fermate di raccolta/scarico in Zelo l’autista risponde che non lo sapeva o si era dimenticato… risultato: arrivati a Rogoredo alle 07.51

Venerdì 20 SETTEMBRE: Il Pullman che partiva alle 12.30 del vecchio orario, è stato anticipato alle 12.10. Prima era pieno, oggi sul pullman ci sono 12 passeggeri, a rogoredo sono saliti in 4. Il successivo è alle 13.10 ed entra in San Donato, per cui chi è costretto a prenderlo arriva a casa un’ora più tardi di prima.

Venerdì 20 SETTEMBRE: Il Pullman delle 16.40 parte da San Donato, va a Rogoredo, raccoglie qualche pendolare, fa il giro ENI e si immette in paullese alle 17.02 (se da San Donato MM3 il pullman fosse andato subito verso Crema dopo 22 minuti come minimo si era arrivati a Peschiera o Paullo…)

© Riproduzione riservata
Commenti