Commenta

Benefattori Cremaschi,
le candidature: le reazioni
di centrodestra e M5S

Reazioni politiche dopo l’incontro svoltosi in Comune sabato mattina presso l’ufficio del Sindaco Bonaldi relativamente alla Fondazione Benefattori Cremaschi. Il Centrodestra era rappresentato per la Lega da Andrea Agazzi, per Forza Italia da Gianmario Donida e Laura Zanibelli, per Fratelli d’Italia da Giovanni De Grazia, per l’Udc da Martino Boschiroli e per il Polo Civico per Crema da Alessandro Di Martino. “Da subito – scrivono gli esponenti –  si è concordato sul valore positivo della collaborazione e della condivisione tra le diverse forze politiche che amministrano la città dai due versanti della maggioranza e della minoranza e si è convenuto che il metodo possa essere utilizzato anche in futuro su altre tematiche importanti per la città. Poi si è entrati nel vivo dell’incontro e si sono affrontate le problematiche e le criticità della Fondazione relativamente alla gestione della struttura. Si è quindi toccato il tema della formazione del Cda della Fondazione. Il Sindaco Bonaldi ha manifestato la preoccupazione che la condivisione politica auspicata da tutti non rischi di essere strumentalizzata come “tentativo di lottizzazione dei partiti”.

“Ben lungi dal voler una lottizzazione della Fondazione, pur ritenendo che le forze politiche hanno la legittimità derivante dai cittadini per interessarsi della vita della città, e come potrebbe essere altrimenti, il Centrodestra intende andare oltre, guardando solo al bene della Fondazione ed essere davvero al servizio della comunità e dei cittadini.
A differenza di quanto anticipato, infatti, il Centrodestra non presenterà candidature per il Cda della Fondazione, ma come preferito dal Sindaco, aspetterà di apprendere le candidature pervenute dai cittadini e dalle associazioni per individuare per serietà, professionalità e competenze quelle su cui far convergere l’appoggio e il supporto unitario del Centrodestra.
In questo caso, come richiesto dalla Bonaldi, se si riuscirà a formare un Cda composto da persone condivise anche dal Centrodestra, garantiremo comunque una piena e fattiva collaborazione nella gestione e nell’assunzione delle responsabilità per il bene della Fondazione”.

“A breve – è invece la dichiarazione del consigliere comunale M5S Manuel Draghetti – il Sindaco Stefania Bonaldi nominerà il nuovo CDA della Fondazione Benefattori Cremaschi. Prima della nomina ha voluto incontrare i capigruppo delle forze politiche rappresentate in Consiglio Comunale, fra cui il sottoscritto, per un breve confronto sui profili, non i nomi, che dovranno andare a comporre il nuovo CDA. Avrei preferito sicuramente un confronto più approfondito, che andasse oltre a quelle due orette di discussione generica.
Al primo di quei tavoli ho esordito dicendo che mi sarei seduto per un confronto sul metodo, ma che ogni scelta, responsabilità, onere ed onore spettava al Sindaco, come previsto. Non avrei mai accettato un CDA scelto e condiviso da tutti i capigruppo per una suddivisione di responsabilità e scelte.
Ho cercato di contribuire in maniera costruttiva a questo percorso, fornendo la mia opinione su come dovrebbero essere i profili del CDA che si sta andando a delineare e proponendo anche una figura tra i possibili candidati.
Come ha ricordato il Sindaco, tuttavia, la nomina dell’intero CDA è di sua stretta competenza e tutti gli onori e gli oneri sono da attribuire al Sindaco stesso, senza la parvenza di spartizione di poltrone e di responsabilità, ma soprattutto senza che la forza politica di minoranza di cui sono portavoce voglia elemosinare poltrone in nome di una finta collaborazione, come altre forze politiche di minoranza sembrano voler fare”.

© Riproduzione riservata
Commenti