Commenta

Piscina comunale: docce che
non funzionano, erbacce e prezzi
eccessivi. Le lamentele degli utenti

La piscina comunale di Crema versa in condizioni decisamente poco piacevoli. La denuncia arriva da un utente, che si è sfogato su un gruppo Facebook. Nel post pubblicato con tanto di fotografie a documentare la propria lamentela, asserisce di essere tornato al centro natatorio dopo diversi anni.

A partire dal prezzo d’ingresso – eccessivo secondo il cittadino – di 8,5 euro, ha aggiunto che fosse uno sproposito dover pagare altri 10 euro per due lettini (pur essendo lui da solo) e un ombrellone.

Ma, prezzo a parte, ciò che ha colpito il fruitore della piscina è stato quello che lui stesso ha definito “degrado”. E, oggettivamente, le foto parlano da sole: l’erba cresce a ciuffi in un colpo d’occhio in mezzo alla sabbia che risulta effettivamente poco gradevole alla vista; il gazebo è distrutto e le docce sono, per la maggior parte, non funzionanti.

L’utente, comunque, non è l’unico a portare avanti le lamentele. Sotto il post scritto nel gruppo social altri clienti descrivono una situazione che non permette di godere appieno delle potenzialità del centro natatorio.

Sulla questione piscina ha depositato un’interrogazione il gruppo consiliare di Forza Italia. Si ventilava, da parte delle minoranze, anche la richiesta di revoca della concessione alla Sport Management, così come è avvenuto a Cremona.

 

© Riproduzione riservata
Commenti