Commenta

Vailate, imbrattata targa
del Circolo Pd. Piloni: 'Clima
che non va sottovalutato'

Il Blitz di Forza Nuova presso l’ippodromo di Soresina, dove è in corso fino a domani, lunedì 5 agosto, la Festa del Pd. Il video nelle mani della Digos che ritrae alcuni ragazzini mentre inneggiavano al caso bibbiano, attaccando sulla cassetta della posta della sede di Cremona un adesivo con la scritta Parlateci di Bibbiano. Oggi la sede Pd di Vailate, dove nella notte ignoti hanno imbrattato la targa di ingresso intitolata allo storico volontario Franco Belletti. La notizia, postata sulla pagina Facebook del circolo, è stata data questa mattina dal segretario Pietro Fevola, che ha voluto rendere pubblico il gesto. “Dei vigliacchi hanno imbrattato la nostra sede. Di sicuro non ci intimideranno con questi gesti. Se leggerete questo post fatevi raccontare da qualche vailatese chi era Franco Belletti e magari provate a prendere esempio da Lui”.

A spiegare chi era Belletti, scomparso pochi anni fa ma ancora vivo nella memoria e nel cuore dei cittadini, è stato il consigliere regionale Pd Matteo Piloni, che lo ricorda come un iscritto sempre disponibile, attivo, sempre presente, dalla distribuzione dei giornali all’organizzazione delle feste in paese. Un compagno storico di Vailate da cui senza dubbio prendere esempio. Ed è proprio Piloni a far notare come quello di Vailate non è da considerarsi un gesto separato, ma il segno di una preoccupante escalation di violenza e di terrore che si sta diffondendo in Italia, avallata e aggravata anche da un clima che alcuni politici – il riferimento non troppo fra le righe va al ministro dell’Interno Salvini – stanno alimentando. “E’ evidente – ha anche scritto il consigliere dem sulla propria pagina Facebook – che c’è un clima diffamatorio nei nostri confronti che non può essere sottaciuto e sottovalutato. Solidarietà agli iscritti del Pd di Vailate”. L’atto vandalico risale presumibilmente alla notte scorsa. Per il momento non è noto se sia stata fatta denuncia alle forze dell’ordine.

© Riproduzione riservata
Commenti