Commenta

Europee, il voto in provincia
comune per comune: Lega
sopra il 40%, male il M5S

(foto Sessa)

Dominio della Lega anche nel territorio, con punte che arrivano a sfiorare e addiritura sfondare la soglia del 60% di consensi: è il caso ad esempio di Volongo, dove addirittura si è quasi arrivati al 70% (68,33% il dato corretto). Ma anche Ostiano (59,66%), Scandolara Ripa d’Oglio (60% tondo), Spinadesco (59,12%), Azzanello (60,53%), Casaletto di Sopra (61,26%), solo per citare qualche esempio. A far notizia sono semmai quei Comuni dove il partito di Matteo Salvini è rimasta sotto il 50%, anche se solo in tre casi sotto il 40%: Cingia de’ Botti (34,88%) rappresenta il minimo nella provincia cremonese, ad eccezione di Crema (39.05%) e Cremona (35,74%).

Il Pd, confermando, il trend nazionale, si conferma stabilmente il secondo partito, seppure con qualche eccezione: sempre a Volongo dietro la Lega si posiziona Forza Italia, mentre a Ricengo c’è il MoVimento 5 Stelle, anche se la distanza dal Carroccio è notevole: circa 47 punti percentuali. Stabili, in generale, anche i primi 5 partiti, con Forza Italia capace di insidiare e spesso superare il M5S, con Fratelli d’Italia generalmente quinto, con le eccezioni negative di Ripalta Cremasca (superata da Europa Verde, exploit provinciale della Lista) e positive di Derovere (terzo posto con circa il 17% dei voti). Per quanto riguarda i 5 Stelle hanno faticato a superare la soglia del 10%: i migliori dati sono stati ottenuti a Martignana di Po (15,05%), Malagnino (13, 62%) e Quintano (13,46%) e, a Ripalta Cremasca hanno chiuso dietro anche a Fratelli d’Italia.

Non sfonda, invece la Destra: Casapound e Forza Nuova rimangono infatti praticamente ovunque sotto l’1%. Per Forza Nuova, in particolare, i migliori risultati sono stati fatti registrare Piadena Drizzona (0,82%) e Pieve d’Olmi (0.81%). Meglio CasaPound sfonda l’1% in sei Comuni (miglior risultato 1,71% a Torre de’ Picenardi). Dalla parte opposta, La Sinistra e il Partito Comunista confermano le difficoltà fatte rgistrare anche a livello nazionale, nonostante a Motta Baluffi il nuovo PCI di Marco Rizzo abbia sfondato la soglia del 4% e a Torricella del Pizzo ci si sia avvicinato parecchio (3,96%). Per la formazione di Nicola Fratoianni, come detto, difficoltà ad arrivare al 2%: miglior risultato a Gussola (3,5%).

IL VOTO COMUNE PER COMUNE

a cura di Laura Bosio e Mauro Taino

© Riproduzione riservata
Commenti