Commenta

La Chromavis Abo mostra
i muscoli: Vigevano si
arrende in quattro set

Cuore, coraggio e qualità per una domenica da leonesse. In un crocevia fondamentale per il prosieguo della stagione, la Chromavis Abo tira fuori le unghie e resta in corsa per la zona play off del campionato di B1 femminile. Per la squadra di Leo Barbieri, fondamentale la vittoria del PalaCoim contro la “bestia nera” Florens Re Marcello (3 sconfitte nei precedenti scontri), formazione che occupa il terzo posto in classifica e dunque rivale delle neroverdi cremasche. Dopo aver perso il primo set, Offanengo ha saputo rialzarsi, lottando strenuamente nella fase centrale del match salvo poi salire in cattedra nel quarto set e riuscendo a chiudere 3-1.

C’è di tutto in questa partita: la capacità di soffrire nei momenti-no, come per esempio il primo set dove la palla faticava a cadere, la tenacia di resistere nel punto a punto (anche recuperare piccoli break) nella seconda e nella terza frazione e l’autorità nel chiudere i conti. Una vera vittoria di squadra, ferocemente voluta, come dimostra capitan Noemi Porzio, capace di stringere i denti dopo una settimana senza allenamenti per l’infortunio alla caviglia, ma ugualmente in campo.

Nei set vinti, spicca la maggior verve in attacco rispetto alle pavesi, mentre è stato duello senza esclusione di colpi tra battuta (9 ace a testa) e muro, con le due squadre sugli scudi (12 block a 10 per Offanengo, con 4 punti diretti di Cecilia Nicolini). Miglior giocatrice dell’incontro è stata eletta Francesca Gentili: la centrale bolzanina di Offanengo ha chiuso il match con 22 punti, frutto di 4 ace (2 nel finale di secondo set), 3 muri e 15 attacchi ed è stata premiata da Massimo Molaschi di Chromavis.

Con questa provvidenziale vittoria, Offanengo riapre i giochi per la zona play off: ora la squadra di Leo Barbieri si trova a -3 dal quarto posto (occupato dal Don Colleoni) e a -6 dallo stesso Vigevano, ora maggiormente nel mirino. Sabato trasferta a Settimo Torinese a domicilio del Lilliput.

© Riproduzione riservata
Commenti