Commenta

Primarie Pd: anche il territorio
Cremonese sceglie Zingaretti
con il 63,9% dei voti

AGGIORNAMENTO Sono stati complessivamente 6.738 i cremonesi che hanno votato alle primarie del Pd per la scelta del nuovo segretario dem, con la preferenza andata, come del resto anche a livello nazionale, a Nicola Zingaretti, che ha totalizzato sul nostro territorio 4.305 voti (63,9%). Secondo Maurizio Martina con il 25,3% dei voti (1.704) e terzo Roberto Giachetti con il 10,8% dei voti (729).

Il voto si è protratto dalle 8 alle 20, con decine di volontari impegnati sul territorio e una buona affluenza alle urne. Alle primarie potevanovotare tutti i cittadini che si dichiarano elettori e sostenitori del Partito Democratico, sottoscrivendo un’apposita dichiarazione e versando un contributo di 2 euro per le spese organizzative. In Provincia di Cremona sono stati allestiti 73 seggi, di cui 13 nel capoluogo provinciale e 5 a Crema. 7000 i seggi in tutta italia.

“Sono felice. oggi è stata una giornata straordinaria sotto tutti i punti di vista: il risultato, l’affluenza e l’entusiasmo delle persone che si sono presentate per votare” commenta Santo Canale, coordinatore provinciale del comitato Zingaretti.

“Con la mozione di Nicola (Zingaretti) abbiamo chiesto agli elettori fiducia e passione e penso che ci sia stata una straordinaria risposta in tutta Italia, ma, lo dico con orgoglio, soprattutto qui da noi dove solo pochi mesi fa il nome di Zingaretti era lontano dalle case delle persone (a favore di Maurizio Martina) e oggi invece ha spinto 4305 donne e uomini in tutta la provincia di Cremona ad uscire per andare a votare Zingaretti, che ha ottenuto il 63,9% delle preferenze.

Una giornata di partecipazione e passione democratica, ecco come definirei questo 3 marzo. Era il grande obiettivo e direi che lo abbiamo centrato. Con la fiducia e la passione possiamo davvero ricominciare e ricostruire. Stasera il messaggio che deve arrivare a tutti gli italiani è chiaro: il partito democratico c’è e ha voglia di ritornare a fare la differenza. E da domani lavoreremo per farlo, con nuove forze, nuove idee, ma soprattutto con un nuovo segretario!

Oltre alla gioia per la vittoria di Nicola, è grande anche la soddisfazione per l’affluenza ai seggi: 6765 persone in tutta la provincia. Un dato molto positivo, in linea con le aspettative, che non andavano sottovalutate visto il difficile momento che il partito sta attraversando.

Inoltre, c’è un altro dato positivo che vorrei sottolineare: la partecipazione al voto dei non iscritti al PD è stata davvero alta, questo significa che le primarie hanno riportato interesse e curiosità su di noi che come partito ora più che mai abbiamo il dovere di ridare orgoglio a tutti i nostri elettori.

Infine, mi sento di commentare molto positivamente il clima estremamente corretto e all’insegna dell’unità che ha contraddistinto tutto il percorso delle primarie tra i tre candidati: penso che sia un segnale positivo a riprova del fatto che davvero vogliamo cambiare.

Cosa succederà adesso? E’ stato un percorso lungo al fianco di Nicola, iniziato mesi fa e terminato oggi con una grande vittoria. Oggi il Partito Democratico ha voltato pagina ma la strada per ricostruire il partito e riconquistare gli italiani è ancora lunga… lavoreremo sodo e ce la faremo! In italia il PD è l’unica forza politica che può fare la differenza e con Nicola dimostreremo che esiste un’alternativa seria, progressista e preparata a chi sta governando adesso”.

© Riproduzione riservata
Commenti