Commenta

A.C. Crema 1908 non
vedenti, al San Luigi attesa
per match contro Firenze

Sono i Campioni d’Italia in carica e si sono aggiudicati anche il titolo di Campioni d’Inverno, vincendo tutte le partite del girone d’andata. Hanno cominciato il girone di ritorno chiarendo da subito agli avversari che la musica non sarebbe cambiata. Gli atleti dell’A.C. Crema 1908 non vedenti mirano dritti al loro secondo Scudetto consecutivo. E non temono nessuno. Nemmeno l’ASD Quarto Tempo Firenze, che sfideranno domenica 24 febbraio alle ore 15 al Centro Giovanile San Luigi.

Terza in classifica, a soli due punti dall’Ascus Lecce, la formazione fiorentina scenderà in campo con la voglia di dare il massimo per migliorare il proprio piazzamento in classifica. E, i cremini, questo lo sanno bene. «La prossima sarà una partita importante e decisiva. Tanto per noi, quanto per i nostri avversari» spiega l’allenatore nerobianco, Maurizio Bonioli. «In più di un’occasione – continua – i fiorentini hanno dimostrato di essere forti, sia dal punto di vista tattico, che fisico. Dobbiamo prepararci ad affrontarli con il giusto atteggiamento, mettendo in campo lo spirito di sacrificio, l’entusiasmo e la preparazione atletica che ci hanno consentito di fare bene fino a questo momento».

Le parole del mister lasciano poco spazio all’immaginazione: per i nerobianchi non è ancora giunto il momento di sedersi sugli allori. «Siamo in vetta alla classifica, ma il Campionato non è ancora finito e tutto può cambiare. Come dico sempre, ogni sfida è a sé e bisogna condurla con grinta, prediligendo sempre lo spirito di squadra, che ci consentirà di uscire sempre dal campo a testa alta».

Di nuovo al completo, dopo una lunga serie di infortuni, i nerobianchi sono determinati a fare bene. Lo conferma soprattutto Davide Cantoni, che, dopo lo stop imposto a seguito della distorsione alla caviglia rimediata contro il Siracusa lo scorso 13 gennaio, sarà nuovamente a disposizione di mister Bonioli: «Contro il Siracusa ho rimediato un brutto infortunio, ma ora sono felice di poter nuovamente dare il mio contributo alla squadra e di rispondere alle direttive del mister».

Ma, al netto delle prestazioni dei singoli, è sempre il gruppo a fare la differenza. «Ho assistito alla partita contro la Roma da casa ed ho sofferto insieme ai miei compagni. Sono, però, felice che la mia assenza sul campo non sia pesata e che, anche in questa occasione, sia emersa la capacità della squadra di fare gruppo in qualsiasi situazione» spiega.

Contro la Roma, infatti, la formazione è stata obbligata, ma non per questo meno efficiente. «Giocare tutta la partita è stata per me una grande soddisfazione. Sono felice di aver aiutato la squadra in un evidente momento di difficoltà e di aver potuto mostrare sul campo i frutti di un percorso di crescita atletica lungo, ma assolutamente positivo». A parlare è Davide Premoli, il difensore più giovane della formazione nerobianca, che, pur volendosi allenare ancora molto, contro la Roma ha dato prova di carattere. Proprio quello che servirà anche contro il Firenze: «Quella contro il Firenze non sarà una partita facile, ma daremo il massimo» assicura.

I fiorentini sono avversari da temere, ma i nerobianchi sanno che quei tre punti servono. «Che il Quarto Tempo Firenze sia una squadra forte è assodato. Ma, consapevoli di ciò che siamo, e sapendo di poter contare sulle forze di tutti, scenderemo in campo con la voglia di lottare per la vittoria ad ogni costo» chiarisce Cantoni.

Non resta, quindi, che attendere domenica e correre al San Luigi a tifare per loro. Perché «le partite sono tutte importanti, ma – conclude Cantoni– quelle disputate con il supporto dei tifosi hanno quel quid in più».

© Riproduzione riservata
Commenti