Commenta

Talenti cremaschi: 'Vuoto
infernale' di Cirillo approda a
teatro con la regia di Italiano

Il libro “Vuoto infernale” di Severino Cirillo è diventato un testo teatrale per mano dello spinese Riccardo Italiano. Una collaborazione (e amicizia) tutta cremasca, che ha permesso di portare sul palcoscenico del teatro milanese #fACTORy32 la storia di Anabel e Leonardo.

Un racconto onirico, ambientato all’inferno, dove il protagonista si ritrova dopo essersi suicidato e dove, per punizione, viene portata anche l’anima della donna che ama. Qui i due partono per un viaggio solitario, alla ricerca l’uno dell’altra. “Non è stato facile adattare al teatro un testo così – spiega Riccardo – Il libro è pieno di personaggi, ma io ho scelto di concentrarmi sui protagonisti. Faranno una sorta di viaggio psicologico, ma le loro sofferenze saranno drammaticamente reali”.

Riccardo Italiano, classe 1986, diplomato all’Accademia Teatro Carcano, ha iniziato la propria carriera come attore. E’ passato poi all’aiuto regia con il Maestro Aldo Masella e nel 2014 ha realizzato il primo spettacolo da regista (“Martha – la memoria del sangue”). Da allora ha fatto strada e “Vuoto infernale” è la sua sesta regia.

La collaborazione con lo scrittore Severino Cirillo (che ha all’attivo sei pubblicazioni) è nata per caso: “Riccardo aveva bisogno di un buon testo, e io ne ho diversi. Così abbiamo iniziato a lavorare insieme sul mio secondo libro”. E non è escluso che in futuro potranno esserci ulteriori sinergie tra il regista e lo scrittore.

Talenti cremaschi anche nel resto della squadra che porterà in scena lo spettacolo: Fabrizio Narciso, di Chieve, sarà Leonardo (Cristina Maine interpreterà invece Anabel); anche la scenografa, Francesca Muzio, è ‘nostrana’, precisamente di Spino d’Adda.

Lo spettacolo andrà in scena il 22 e 23 febbraio alle 21 e il 24 febbraio alle 16 al teatro #fACTORy32 (Via Giacomo Watt, Milano, la cui direttrice artistica è Valentina Pescetto). Per info è possibile scrivere all’indirizzo info@factory32.it.

“Avremo due spettatori speciali: uno dall’Australia e uno dalla California. Per questo speriamo che anche i cremaschi verranno numerosi a godersi lo spettacolo”.

Ambra Bellandi

© Riproduzione riservata
Commenti