Commenta

Aperto bando per il Concorso
Bottesini: la settima edizione
dal 23 al 29 settembre

Da sinistra: Nichetti, Donati, Bonaldi, Strada

E’ ufficialmente online, sul sito dell’associazione, il bando per la settima edizione del Concorso Bottesini. “Abbiamo rispettato l’impegno preso, portando avanti la manifestazione con cadenza biennale”, ha commentato soddisfatto il presidente dell’associazione Bottesini Francesco Donati. “Ringraziamo il Comune e la Fondazione San Domenico per il sostegno e la collaborazione”.

Perché il Concorso Bottesini è soprattutto questo: sinergia con il territorio, per il territorio. La finalità è infatti sempre stata, ed è tutt’ora “rafforzare il binomio Crema-Bottesini, così da far conoscere entrambi a livello internazionale”.

Quest’anno il concorso è stato aperto agli over 16 (non più 18), “perché ci siamo accorti che anche i giovanissimi hanno già un ottimo livello”. Un cambiamento che ha rimarcato l’assessore alla Cultura e Turismo Emanuela Nichetti: “Sarà bello vedere questi ragazzi muoversi per la città con in spalla i propri strumenti”.

Il Concorso si svolgerà dal 23 al 29 settembre, di nuovo sotto la direzione artistica del Maestro Enrico Fagone. Presidente onorario sarà il fondatore del concorso, Maestro Franco Petracchi. Novità, invece, in giuria, dove saranno presenti i vincitori delle ultime tre edizioni, ormai contrabbassisti di successo: Wies de Boevé, Maria Chirokoliyska e Francesco Siragusa. Oltre a loro anche la docente di contrabbasso a Salisburgo Christine Hoock e il celebre violinista Bruno Giuranna.

Nel programma musicale spicca la presenza di un brano inedito, commissionato al Maestro Fabio Vacchi, tra i massimi compositori viventi di opere liriche e musica classica. “Un modo per dimostrare che il Concorso non è solo un trampolino di lancio per gli artisti, ma anche un luogo di produzione di brani da repertorio”.

Ricco il montepremi (28mila euro totali) che verrà suddiviso ai primi tre classificati, oltre a tre premi speciali. 400 euro, invece, la borsa di studio assegnata ad ogni concorrente che supererà il primo turno.

Il palcoscenico della finale sarà, ancora, il teatro San Domenico: “Felici di poter ospitare ancora un evento tanto importante quanto prestigioso”, ha commentato il presidente della Fondazione San Domenico Peppino Strada alle cui parole hanno fatto eco quelle del sindaco Stefania Bonaldi: “Il Concorso è un modo per onorare la memoria del celebre contrabbassista cremasco e per far conoscere nuovi talenti. Siamo convintamente, sempre più, ‘bottesiniani'”.

Ambra Bellandi

© Riproduzione riservata
Commenti