Commenta

Provincia, sedi di impresa
cinesi più che raddoppiate
negli ultimi sei anni

E’ iniziato un paio di giorni fa, martedì 5 febbraio, l’anno del maiale per la comunità cinese che vive e lavora in Italia. Sono oltre 10 mila (10.290) i piccoli imprenditori attivi in Lombardia in una comunità che lavora e cresce del 33% in sei anni e dell’1,2% in un anno in Regione. E’ quanto emerge da un’elaborazione Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati Registro Imprese al terzo trimestre 2018, 2017 e 2012 relativi ai titolari di impresa individuale attiva nati in Cina.

Milano è prima con 5.620 titolari cinesi, l’11% nazionale, in crescita del 38% in sei anni e del 2% in un anno. Tra i territori, dopo Milano che è prima, per concentrazione di titolari vengono Brescia (1.019), Mantova (757), Bergamo (684), Varese (573) e Monza Brianza (535), mentre crescono soprattutto Monza Brianza (+80% in sei anni, +1,5% in un anno), Lecco (+68% in sei anni e +4,9% in un anno), Lodi (+60% in sei anni e +3,2% in un anno) e Como (+57% in sei anni e +6% in un anno). Gli imprenditori cinesi si occupano soprattutto di commercio (2.733 attività tra ingrosso e dettaglio), alloggio e ristorazione (2.564 tra bar, ristoranti e alloggi) e manifatturiero (2.509 attività) ma ci sono anche circa 2 mila che operano nei servizi alla persona tra parrucchieri e centri estetici, lavanderie e riparazioni. Nel dettaglio territoriale, a Bergamo, Cremona, Lecco, Lodi, Pavia, Sondrio e Varese prevalgono i ristoratori, a Brescia e Mantova le attività manifatturiere, a Como i servizi alla persona, a Milano e Monza Brianza il commercio.

In particolare, a Cremona sono 229 le sedi di impresa attive nel 2018, il quarto peggior dato a livello lombardo. Rispetto allo scorso anno si è registrato un incremento dll’1,8% (quarto miglior dato regionale a pari di Varese) che concretamente significa l’apertura di quattro nuove sedi. In sei anni, invece, le sedi sono più che raddoppiate (+55,8%, quinto dato in Lombardia) passando dalle 147 sedi alle 229 attuali. Per quanto riguarda il settore delle imprese cinesi sul territorio cremonese, come detto, sono le attività dei servizi di alloggio e ristorazione a farla da padrone con 97 sedi, seguite dal commercio all’ingrosso e al dettaglio (48) e dalle attività manifatturiere (35). 38, infine, sono le altre attività di servizi.

© Riproduzione riservata
Commenti