Commenta

Match importante per
la Pallacanestro Crema
contro San Vendemiano

Per i leoni cremaschi si prospetta il classico incontro da non perdere assolutamente.

Coinvolgere nel gruppo delle formazioni in lotta per sfuggire ai playout una delle formazioni che li sopravanzano in classifica, San Vendemiano, formazione che dopo un ottimo inizio e due vittorie prestigiose contro Milano ed Orzinuovi ha sporcato la propria classifica con una serie di sconfitte che l’hanno fatta scendere in graduatoria, significherebbe riaprire con decisione i giochi a livello di salvezza.

Crema dovrà saper interpretare con attenzione il match, che la vedrà opposta ad una formazione a cui piace molto correre in transizione, attaccando il ferro o colpendo da tre punti, preferibilmente nei primi secondi dell’azione.

La giovane età di gran parte del roster veneto ben si completa con l’esuberanza e l’esperienza di Bloise, vero trascinatore della Sanve.

I trevigiani, vista l’assenza di uomini d’area (unica eccezione Vedovato), potranno creare qualche grattacapo a Crema, in un match tra due squadre che come caratteristiche fisiche hanno molto in comune.

La guida tecnica è affidata a coach Marco Mian, 190 partite da giocatore in serie A, tra Treviso, Torino e Siena, al suo secondo anno sulla panchina di San Vendemiano.

Il quintetto di partenza vede Bloise in cabina di regia. Il velocissimo playmaker del 1990 è uscito dal settore giovanile di Cantù, società con la quale ha debuttato in serie A nel 2007. Dopo aver vestito le maglie di Omegna e Montecatini, ha vinto con Biella la Coppa Italia di LegaDue, conquistando anche i playoff. Dopo Bergamo e Firenze, la scorsa stagione ha giocato a Varese, con ben 17.79 ppg in 34’.

Nel ruolo di playguardia Perin, già affrontato contro Faenza dove ha militato nelle ultime due stagioni.

Si alternano nelle posizioni di 3 e 4 Malbasa (’95) e Mossi (’88).

Il primo, avversario nei playoff la scorsa stagione a Piombino, è un giocatore che fa dell’atletismo e della forza fisica le proprie doti migliori.

Prima di giocare in toscana, l’ala di 196cm ha conquistato la promozione in Legadue con Treviso, con la quale ha disputato tre stagioni, nella seconda serie italiana con discreti minutaggi.

L’esperto Mossi, grande conoscitore della categoria, ha giocato a Castelletto Ticino, Molfetta e Bari e la scorsa stagione è stato tra i protagonisti del percorso netto di Vigevano (C Gold), con la quale ha conquistato la promozione in serie B da imbattuto.

Sotto le plance l’unico vero interprete del ruolo di centro, Vedovato (’95). Centro di 204 cm, ha giocato nelle ultime tra stagioni in Legadue, con le maglie di Treviso, Chieti e Roma sponda Virtus, con molti minuti sul parquet.

Completano il roster l’ala del 1994, prodotto di casa, Rossetto, spesso nello starting-five, la guardia classe 2000 Bartoli (17’), la guardia del 2000 Battistuzzi (9’), Lurini (2000), Durante (2002), De Santi (2000) ed Oyeh (2000).

Il match permetterà probabilmente di intuire l’impronta tecnica che coach Garelli cercherà di dare ai leoni cremaschi, chiamati a battere un colpo per non rassegnarsi ad un piazzamento playout.

© Riproduzione riservata
Commenti