Commenta

Avvento: iniziative di Caritas
all'insegna della condivisione
e dell'aiuto al prossimo

Claudio Dagheti, vicepresidente di Caritas Crema

Tempo di Avvento all’insegna della condivisione e dell’aiuto al prossimo. Caritas Crema, come ogni anno, propone alcune iniziative per dimostrare vicinanza a chi soffre o si trova in difficoltà. “Segni e gesti concreti che vogliono coinvolgere tutta la comunità cremasca”, ha spiegato Claudio Dagheti, vicepresidente di Caritas.

La prima iniziativa è la raccolta di giocattoli in vista di Santa Lucia per i bambini delle famiglie indigenti, che non possono permettersi i regali per la notte più attesa dai piccoli. Chi volesse donare i giocattoli – logicamente in buono stato – può portarli alla Casa della Carità in viale Europa 2 a Crema. Questi saranno poi smistati nelle parrocchie, dove saranno distribuiti ai bimbi a seconda delle esigenze. “E’ un modo per educare anche i più piccoli al concetto di povertà e far capire loro che non tutti i bambini sono fortunati”.

Dai bambini si passa agli adulti, pur sempre in condizioni di fragilità economica. La raccolta fondi di quest’anno, infatti, verrà destinata ad un fondo di mediazione abitativa. I proventi saranno dunque destinati ad aiutare chi si trova in difficoltà con il pagamento dell’affitto o necessita di dare la cauzione per entrare in un appartamento.

Torna, con l’accensione del Giorgione, anche il presepe che gli ospiti della Caritas offrono al vescovo Daniele Gianotti. Realizzato, come l’anno scorso, durante un laboratorio tenuto da presepisti professionisti. L’opera verrà benedetta dal vescovo l’8 dicembre alle 17 in piazza Duomo e resterà esposto sino al 6 gennaio.

Ultimo appuntamento il 26 dicembre alla sede della Caritas per il pranzo di Santo Stefano: “E’ un momento di condivisione aperto a tutti coloro che abbiano voglia di trascorrere un Natale diverso dal solito”, ha concluso Dagheti.

Ambra Bellandi

 

Il presepe realizzato l’anno scorso dagli ospiti della Caritas

© Riproduzione riservata
Commenti