Commenta

Traffico migranti, sgominata
organizzazione: arresti anche
in provincia di Cremona

Prelevavano i migranti nelle province di Cremona, Milano e Codogno, e li facevano espatriare, dietro pagamento di ingenti somme: dieci persone sono così finite in manette nell’ambito di un’indagine sviluppata dalla guardia di Finanza di Lodi sul traffico di migranti clandestini. Questi soggetti, finiti in manette su ordine del gip milanese Livio Cristofano, sono accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina dall’Italia verso la Francia o altri Paesi europei.

Secondo quanto emerso dalle indagini la presunta organizzazione criminale, composta di otto egiziani e due pakistani, si sarebbe occupata di organizzare almeno 49 viaggi per un totale di centinaia di persone, facendole passare illegalmente dall’Italia verso altri Paesi europei (ma anche alcuni viaggi di ritorno), nel periodo intercorso tra il 14 settembre e il 31 dicembre 2017.

I soggetti trasportati erano stranieri irregolari arrivati in Italia dal Nord Africa e dall’Asia occidentale (Afghanistan, Pakistan e Kurdistan), che pagavano somme comprse tra i 300 ed i 400 euro per il trasporto in Francia, o importi ancora più elevati in caso di destinazioni più lontane (come Spagna e Slovenia).

Tra gli arrestati, un 43enne egiziano residente a Pizzighettone sarebbe il responsabile dell’organizzazione materiale dei viaggi verso la Francia. Un 60enne pakistano, invecem si sarebbe infatti occupato di reclutare i clandestini da tasportare, di dare direttive agli autisti e agli accompagnatori e di raccogliere il denaro, fissando anche le tariffe.

Insieme a loro soon finiti in manette gli autisti che materialmente effettuavano i trasporti, gli accompagnatori, le staffette che accompagnavano i gruppi durante parte dei viaggi e coloro che si occupavano di procacciare i viaggiatori.

Le indagini sono partite nell’agosto del 2017, quando i finanzieri di Lodi avevano fermato un cittadino egiziano in possesso di carte d’identità, passaporti, buste paga e titoli di viaggio; da questo banale rinvenimento si sono sviluppate complesse investigazioni da cui è emersa l’esistenza di un’associazione strutturata.

lb

© Riproduzione riservata
Commenti