Commenta

Concerto Gran Galà Classico
per sostenere il prezioso
operato della Lilt

Un concerto della banda di Ombriano (foto d'archiivio)

Il  Corpo Bandistico Giuseppe Verdi di Ombriano – Crema comunica che sabato 17 novembre 2018 alle ore 21.00 presso la Chiesa di San Benedetto in Piazza Garibaldi a Crema terrà il Concerto benefico a favore della LILT (Lega Italiana per la Lotta ai Tumori) intitolato “Gran Galà classico”.
Anche quest’anno si rinnova il proficuo sodalizio tra il Corpo Bandistico e la LILT, sodalizio che prende corpo nel tradizionale Concerto di Santa Cecilia e che vede l’esecuzione di un repertorio prettamente classico, con il quale il Maestro Eva Patrini ed il suo organico dimostrano la propria versatilità ma anche l’alto livello esecutivo raggiunto. I brani che verranno eseguiti sono notoriamente i cavalli di battaglia delle grandi orchestre presenti nei Teatri più celebri ed illustri.
Si inizia con la bellissima Sinfonia della Norma di Bellini, seguita dalle stupende pagine della Traviata: il Preludio ed il coro delle Zingarelle e Mattadori spagnoli. Irrompe l’infuocata e turbinosa Danse diabolique di Hellmesberger, mentre l’imponente Dies irae dalla Messa da Requiem di Verdi chiude l’intensa prima parte del concerto. La seconda parte inizierà con un omaggio a Rossini: l’Overture del Tancredi, era doveroso, come ribadisce il Maestro Eva Patrini, l’omaggio al compositore pesarese del quale quest’anno ricorre il 150 anno dalla morte. Ancora Verdi con il celeberrimo ma sempre dolcissimo e malinconico coro del Va’ pensiero dal Nabucco, seguito da Ein morgen ein mittag und ein abend in Wien di Suppè per concludere con l’affascinante e vorticosa Danse Bacchanale tratta dal Sansone e Dalila di Saint Saën. Una serata questa con la quale si vuole offrire al pubblico cremasco la grande musica con le sue eterne melodie e con la quale nel contempo si vuole contribuire a sostenere una Associazione come la LILT che da anni opera nel territorio cremasco per la prevenzione e la lotta contro i tumori.

© Riproduzione riservata
Commenti