Cronaca
Commenta

Successo per la 30esima festa Avis-Aido a Romanengo

Si è ormai conclusa la sei giorni di festa in piazza, con grande soddisfazione da parte degli organizzatori, per l’edizione numero 30 della festa all’aperto Avis-Aido-Admo, svoltasi a Romanengo dal 26 al 31 luglio scorso.

Ricco e coinvolgente il programma, che ha visto, oltre all’ottima cucina nostrana e al tradizionale ballo liscio in compagnia delle orchestre, anche alcuni momenti significativi e di novità di questa edizione: vogliamo ricordare che domenica 29 luglio, intorno alle 22, il comitato festa delle sezioni AVIS e AIDO hanno offerto una torta gigante da 23 Kg a tutti i presenti, che, tra un ballo e l’altro, si sono visti interrompere le danze per il taglio, direttamente sulla balera. Con molto entusiasmo ed emozione, i presidenti Mauro Cavalli (Avis) e Rosolino Giroletti (Aido), hanno rubato qualche istante il microfono ai musicisti per cogliere l’occasione di ringraziare quanti, giorno e notte e da settimane a questa parte, si sono impegnati per la bella riuscita dell’iniziativa: il comitato festa con tutti i volontari, gli avisini e aidini, don Emilio (per essersi reso disponibile a celebrare la s.s. Messa la mattina stessa direttamente in festa), l’Amministrazione Comunale e il Sindaco per gli spazi concessi, gli sponsor, la Polisportiva e la Croce Verde di Romanengo per i servizi offerti e le Associazioni del paese che hanno contribuito.

Un grande traguardo, quello di quest’anno”, commenta Cavalli, “ma un particolare ringraziamento va a chi, negli anni ‘80, ha avuto il coraggio di organizzare la prima festa AVIS-AIDO: è stato ricordato il primo comitato composto da Teresio Donati, Bruno Orlandi e Savino Samarini, ormai deceduti, mentre sono stati premiati, con una targa ricordo, Antonio Canesi, Battista Cavalli e Bruno Oldani. “..i primi a crederci nella Festa all’aperto, per promuovere l’associazione e la Festa è il nostro trampolino di lancio per farci conoscere, soprattutto coinvolgendo questo nuovo gruppo di giovani, che da quest’anno si sono messi in gioco gestendo lo spazio giovani a loro riservato e che ringraziamo per la loro collaborazione..”

Secondo momento di grande importanza nell’ambito della festa è stata la buona partecipazione di diciannovenni e ventenni del paese, che si sono presentati, su invito delle associazioni, lunedì 30 luglio, per un momento di dialogo in compagnia dei presidenti, “alla scoperta della Associazioni”, dove sono stati chiariti alcuni concetti chiave sul volontariato e sull’importanza del dono del sangue. La serata, rivolta principalmente a loro, si è conclusa con una pizza in compagnia.

Da non dimenticare i Limen Teatro, con Laura e Linda, che hanno intrattenuto i presenti con numeri da circo, mangiafuoco e giocolieri, i truccabimbi con Francy per i più piccoli e le serate a tema nell’area giovani.

Il comitato organizzatore, riunitosi venerdì scorso con molti dei volontari che hanno collaborato all’iniziativa, ha illustrato i risultati ottenuti nei dettagli: l’utile incassato, al netto delle spese, di circa 8500 euro, sarà utilizzato in parte per l’ordinaria gestione delle associazioni Avis e Aido e in parte verrà destinato a iniziative per la comunità romanenghese durante l’anno. Arrivederci alla prossima edizione.

© Riproduzione riservata
Commenti