Commenta

‘Ritratto a 2’: genitori
e figli domenica nei
chiostri del teatro

Da sinistra Strada, Marangon e Chessa

Io disegno te, tu disegni me: presentata questa mattina la manifestazione che si terrà domenica a partire dalle 16,30 nei chiostri del san Domenico, che segna la ripresa dopo la sosta estiva delle attività della Fondazione presieduta da Giuseppe Strada. “Si tratta di un laboratorio di ritratto e acquerello, che mette a confronto figli (dai 7 ai 12 anni) e genitori che vicendevolmente devono ritrarsi” ha spiegato Antonio Chessa, vicepresidente della Fondazione Teatro san Domenico. “I bambini sono più spontanei, io sono curiosa di vedere come i genitori risponderanno alle mie istruzioni sulle basi tecniche del ritratto che andranno a fare”, ha commentato la curatrice del laboratorio Serena Marangon, che ha sottolineato come il disegno rappresenta uno dei linguaggi di comunicazione universale, in grado di superare ogni barriera. L’iniziativa si inserisce all’interno di “The Big Draw 2018”, il più grande festival di disegno del mondo, che a Milano come in altre città italiane, si svolge in questo week end. Anche l’evento cremasco di domenica è patrocinato dalla nota azienda marchigiana Fabriano, che fornirà il materiale cartaceo alle coppie di partecipanti. Al fine di permettere alla curatrice del laboratorio adeguato supporto a bambini e genitori, è stato individuato in 20 il numero massimo di coppie partecipanti. Qualche posto ancora è disponibile, chi volesse partecipare può contattare Serena Marangon alla mail io@serenamarangon.it.

Ilario Grazioso

© Riproduzione riservata
Commenti