Commenta

BreBeMi, nell'ultimo anno più
40% di percorrenze: 'Crocevia
di business e sviluppo'

“La A35 Brebemi ha confermato le sfidanti previsioni di crescita, registrando un incremento delle percorrenze, rispetto al precedente anno, pari a oltre il 40%”. E’ quanto fanno sapere dalla società che gestisce l’autostrada che, attraverso le parole del presidente della Società di Progetto Brebemi S.p.A., Francesco Bettoni, ha dichiarato: “La A35, al centro di una grande area metropolitana, ha posto dunque le premesse per diventare sempre più crocevia del business, motore e volano dello sviluppo, della crescita economica e della competitività non solo dei territori attraversati, ma della Lombardia e del Paese intero”.

L’incremento, secondo la società, è attribuibile a tre fattori precisi. In primis la recente entrata in esercizio della Interconnessione A35/A4 grazie alla quale gli utenti possono usufruire della nuova Barriera di Castegnato (BS) fino a Liscate (MI), nonché di nuovi 5,6 km di moderna viabilità autostradale, al servizio di chi vuole spostarsi, tra Brescia e Milano, con tempi certi e maggiore comfort di guida. Questo, infatti, è il secondo fattore individuato: gli “elevati standard di sicurezza garantiti dalla adozione delle più moderne tecnologie autostradali”. Da non sottovalutare infine l’iniziativa di scontistica avviata dalla Società per “aiutare le imprese e le famiglie che sempre più utilizzano la A 35”.

Bettoni, poi, sottolinea: “In cinque anni abbiamo realizzato la A35 Brebemi, esempio positivo di autostrada moderna che collega direttamente Milano e Brescia con tempi di percorrenza certi, utilizzando dispositivi di sicurezza la cui indubbia innovatività è testimoniata da un tasso di incidentalità fra i più bassi del nostro Paese. Comfort e sicurezza, dunque, sono i punti di forza della prima autostrada realizzata in project financing, che proietta l’Italia in una dimensione europea in termini di mobilità e logistica. Dimensione confermata dai tre importanti riconoscimenti internazionali negli Stati Uniti e nel Regno Unito che Brebemi ha ricevuto come miglior project financing infrastrutturale”.

“Oggi – conclude il presidente -, con grande soddisfazione, possiamo dire che con l’entrata in esercizio della Brebemi e la recente inaugurazione della Interconnessione A35/A4: i flussi e le convenienze logistiche possedute dall’intera area padana sono stati ampiamente salvaguardati dal rischio che potessero essere trasferiti in altre realtà dell’Unione Europea. La Brebemi rappresenta a pieno titolo la realizzazione di una parte del Corridoio 5, ovvero dell’arteria a rete multimodale che appartiene ad uno dei grandi assi ferroviari ed autostradali che l’Unione Europea si è impegnata a realizzare e che collegherà Lisbona a Kiev, assegnando all’Italia e alla Lombardia un ruolo strategico rispetto al processo di integrazione verso quei Paesi che dal 1° maggio 2004 sono entrati a far parte dell’Unione Europea”.

Proprio alla luce dei risultati presentati e delle prospettive di crescita e degli obiettivi posti in materia di mobilità sostenibile, si terrà infatti un convegno a Castenedolo (Bs) che vedrà la partecipazione di istituzioni, associazioni e imprese per avviare un confronto anche in merito al “trasporto elettrico delle merci su strada”, tema che Brebemi sta analizzando da mesi per valutarne prospettive e possibile sviluppo. “La sfida della A35 – fanno sapere infine dalla società -, pertanto, continua a poggiare le sue solide basi sul fertile terreno del confronto con il territorio che fortemente ha voluto la realizzazione della nuova infrastruttura”.

© Riproduzione riservata
Commenti