Commenta

Nidi gratis, i primi comuni
in territorio Cremonese
ammessi a misura regionale

Sono 14 i primi Comuni del Cremonese ammessi alla misura ‘Nidi Gratis’ promossa da Regione Lombardia. L’elenco è stato pubblicato in questi giorni, e riporta i comuni che avranno la prima tranche di fondi, per offrire un sostegno economico alle famiglie lombarde. Un provvedimento che la Lombardia ha fatto partire da alcuni anni per dare un aiuto alle mamme e ai papà residenti in regione.

Complessivamente, nella prima finestra disponibile, sono state accolte 267 domande. Ecco l’elenco dei comuni del nostro territorio:

• Spino d’Adda – Asilo Comunale
• Casalbuttano ed Uniti – Asilo nido ‘Mondo Magico’
• Unione dei Comuni di Bonemerse e Malagnino – Asilo ‘Piccole Tracce’ di Cremona, asilo nido ‘Ninna Nanna’ di Gadesco Pieve Delmona, asilo nido ‘Il Girasole’ di Cremona, asilo nido ‘L’Arcobaleno’ di Cremona, ‘Il Giardino delle Coccole’ di Cremona, Do.Mi.Sol di Cremona.
• Pandino – asilo ‘Il Girasole’
• Crema – asilo nido ‘Braguti’, asilo nido ‘Dante’.
• Soncino – asilo nido comunale.
• Cremona – asilo nido ‘L’Arcobaleno’, asilo nido ‘Sacchi’, Sacro Cuore, asilo ‘Il Giardino delle Coccole’, asilo ‘Elsa e Vico Gosi’, asilo nido ‘San Francesco’, asilo nido ‘Lancetti’, asilo nido ‘Navaroli’.
• Martignana Po – asilo nido
• Rivarolo del Re ed Uniti – micronido ‘I primi passi’
• Sospiro – asilo nido ‘L’Arcobaleno’ di Cremona, asilo nido ‘Il Girasole’ di Cremona, asilo ‘Elsa e Vico Gosi’ di Cremona, Asilo ‘Piccole Tracce’ di Cremona.
• Palazzo Pignano – asilo nido ‘Bollicine’
• Romanengo – asilo ‘Trilli e Peter Pan’
• Gussola – asilo nido
• Pieve d’Olmi – asilo nido ‘L’Arcobaleno’ di Cremona, asilo nido ‘Il Girasole’ di Cremona, asilo ‘Elsa e Vico Gosi’ di Cremona, Asilo ‘Piccole Tracce’ di Cremona.

Ora la palla passerà alle famiglie, che a partire da settembre, quando l’Avviso pubblico per l’adesione alla Misura Nidi Gratis 2018-2019 verrà pubblicato, potranno presentare la domanda di partecipazione, naturalmente solo se in possesso dei requisiti previsti dal bando stesso. Già da adesso, invece, è possibile richiedere il pin della Crs o della Cns, oppure lo Spid, indispensabili per presentare la domanda.

Per ottenere l’azzeramento della retta è indispensabile: che il comune di riferimento abbia aderito alla Misura, che il bambino sia iscritto e frequentante il nido o micro-nido ammesso alla Misura; che il posto occupato dal bambino sia tra quelli acquisiti dal Comune in convenzione; che siano applicate tariffe commisurate all’Isee della famiglia. Esso dovrà essere inferiore o uguale a 20.000 euro. I genitori dovranno essere entrambi occupati o, se disoccupati, avere sottoscritto un Patto di Servizio Personalizzato; infine dovranno essere entrambi residenti in Regione Lombardia.

lb

© Riproduzione riservata
Commenti