Commenta

'Inchiostro': conto alla
rovescia per il nuovo
festival letterario di Crema

Da sinistra Basso, Roversi e Montanari

L’atmosfera sarà quella festivaliera con appuntamenti che si susseguono nell’arco dell’intera giornata, dalla mattina alle 10.00 fino alla sera, alternando presentazioni, interviste e tavole rotonde. Questo lo stile del nuovo festival letterario Inchiostro diretto da Lorenzo Sartori in programma a Crema nei chiostri del Sant’Agostino dal 22 al 24 giugno. Una proposta ad ingresso libero davvero curiosa e variegata, attenta ai più piccoli con le iniziative di Inchiostro Kids ricche di laboratori e giochi, ai giovanissimi con appuntamenti dedicati al fantasy e al genere distopico, ai docenti perché alcuni degli incontri in programma saranno riconosciuti ai fini della formazione, agli appassionati di lettura che potranno incontrare alcuni tra i più interessanti autori del panorama nazionale e tuffarsi nell’ampia offerta di libri fornita da 30 editori provenienti da tutta Italia.

Venerdì 22 giugno il festival Inchiostro prende il via alle ore 17.00 con Irene Biemmi, docente universitaria ed esperta di Pedagogia di genere e delle pari opportunità, che presenta il suo saggio Educazione sessista legato al tema della costruzione dell’identità maschile e femminile nella narrativa per ragazzi. Alle 18.30 è in programma una tavola rotonda dedicata alle “altre letterature”, dal fumetto alla graphic novel, dal video gioco al librogame, ossia tutte le realtà amate dai giovanissimi e capaci di unire parole e immagini. La serata inaugurale del festival vede alle ore 21 un ospite molto amato, Raul Montanari, che presenta il suo ultimo romanzo La vita finora, edito da Baldini&Castoldi, una storia che pone al centro il tema del bullismo dei ragazzi nei confronti dei loro insegnanti. La storia è quella di un gruppo di adolescenti allo sbando dominati da un ragazzino tanto intelligente quanto crudele e disincantato, il romanzo che mette a nudo le fragilità degli adulti e di un sistema educativo che spesso si  limita a guardare senza agire.

Sabato 23 giugno il festival prende il via alle 10.30 con una tavola rotonda dal titolo provocatorio: “Gli italiani leggono poco. Tutta colpa della scuola?”,  prosegue con la ricca sezione “Altre voci”, con autori nazionali e locali, mentre  nel pomeriggio l’attenzione si concentra su due generi letterari molto apprezzati dai lettori, il fantasy e fantascientifico e il giallo. Alle ore 17 è infatti in programma l’incontro dal titolo “Vampiri contro metallari” in compagnia della regina dell’urban fantasy italiano Aislinn che presenta il suo nuovo romanzo “Né a Dio né al diavolo” intervistata da Luca Tarenzi mentre alle ore 18.30 tutti a caccia del genere distopico, un filone specifico della fantascienza in cui i mondi ideali si rivelano incapaci di garantire davvero la felicità. Leonardo Rasulo ne parla con Dario Tonani, Liliana Marchesi e Francesca Caldiani.

La serata cuore del festival sarà dedicata al genere giallo con tre autori che ambientano le proprie storie a Milano: Gianni Biondillo, Flavio Villani e Paolo Roversi, tre sguardi differenti sulla città che si fa teatro di storie in cui le indagini sono condotte da ispettori di polizia, blogger e hacker.

Domenica 24 giugno il ventaglio del festival si apre al genere rosa con Roberta Marasco che arriva da Barcellona per presentare per la prima volta in Italia il suo nuovo romanzo Lezioni di disegno, alla poesia, con una sezione speciale dedicata ad Angelo Gasparini, ad un fenomeno mondiale, Harry Potter, raccontato da Marina Lenti, esperta di questa saga, che presenterà il libro J.K. Rowling. L’incantatrice di 450 milioni di lettori. All’ora del tè Inchiostro incontra due gialliste d’eccezione, Rosa Teruzzi, che fa condurre le indagini ad una fioraia, e Alice Basso che invece trasforma una ghostwriter in abile detective. Alle 18.30 un contingente di 100 alieni prenderà possesso della città, così racconta infatti Alieni a Crema, l’ultimo romanzo di Lorenzo Sartori che vede per la prima volta Crema protagonista di una storia di fantascienza ambientata tra le vie e le piazze della città, con al centro le sue tradizioni, compreso il tortello cremasco che sarà disponibile per un aperitivo speciale.

Il festival Inchiostro terminerà alle ore 21 con Pietro Caliceti, maestro del financial thriller che aprirà al pubblico le porte del mondo dei bitcoin, la moneta virtuale che è protagonista del suo romanzo  Bitglobal edito da Baldini&Castoldi.

Tutti gli appuntamenti del festival sono ad ingresso libero. Per info: www.festivalinchiostro.it

© Riproduzione riservata
Commenti