Commenta

Cartelli dei parcheggi
a led: deliberato il
progetto Info Mobilità

Gestopark, la società gestore degli stalli blu del Comune, ha proposto un nuovo piano di “Info mobilità”, approvato dall’ultima riunione di giunta. Con questo piano, che si attuerà a partire dall’estate 2018, verranno installati inizialmente 5 portali a messaggi variabili agli ingressi della città, successivamente altri 5 in aree mediane della città con informazioni sui parcheggi disponibili e altri 2 pannelli in centro città. In aggiunta verranno forniti e dislocati all’interno dei percorsi cittadini altri 40 pannelli statici di indirizzamento ai parcheggi.

I pannelli forniranno informazioni sui parcheggi, avranno nel caso dei portali anche tre righe da 16 caratteri per le comunicazioni alla cittadinanza. In aggiunta, Gestopark installerà tre pannelli specificatamente dedicati alle allerte meteo

Bergamaschi

“L’infomobilità era un elemento fondamentale del nuovo appalto”, commenta l’assessore alla Mobilità, Fabio Bergamaschi. “La possibilità di conoscere in tempo reale le disponibilità di sosta consente all’automobilista di risparmiare tempo negli spostamenti, ma anche di ridurre i consumi di carburante. E ciò, ovviamente, va a beneficio non solo del singolo portafogli, ma anche della tutela ambientale. È una strategia che vede vincere diversi interessi, individuali e collettivi”.

Il funzionamento dei portali, che verranno posati secondo un ubicazione già stabilita con gli uffici comunali (piazza Giovanni XXII – Via Mercato; Via Mercato – Piazza Marconi; Via Kennedy – Piazza Moro; Via Stazione – Via Bottesini; Piazzale Rimembranze – Piazza Garibaldi), e in seguito anche degli altri pannelli, si fonda su due tecnologie, una informatica e l’altra sensoristica. Prima che vengano applicati tutti i sensori su tutti gli stalli blu, l’Info Mobilità potrà già indicare agli automobilisti i parcheggi disponibili traendo informazioni dalle colonnine dei parcheggi e dall’applicazione per smartphone: emettendo il tagliando, fisico o virtuale, il dato viene considerato da un algoritmo. L’affidabilità del sistema, che calcola il numero di occupazioni e loro tempo di sosta per stimare i parcheggi liberi, è dell’85%.

© Riproduzione riservata
Commenti