Scuole
Commenta

Giornata del Volontariato: gli studenti del Racchetti incontrano il Terzo Settore

Si possono creare forme di partecipazione e di promozione di cittadinanza attiva all’interno della scuola pubblica? Si possono liberare energie innovative in un incontro tra giovani studenti e volontari di enti del Terzo Settore? A Crema ci hanno provato il Liceo Racchetti, con la classe in Alternanza Scuola Lavoro 4B_LSU, CSV Lombardia Sud (Centro di Servizio per il Volontariato) e 7 realtà del Terzo Settore appartenenti al territorio cremasco, costruendo un percorso di incontri di natura formativa e organizzativa. Fino all’evento finale, denominato Giornata del Volontariato a Scuola e realizzato nei giorni scorsi. La giornata aveva come obiettivo sensibilizzare e promuovere la cultura del volontariato e della cittadinanza attiva nelle giovani generazioni. Una attenzione che rispecchia fra l’altro le indicazioni offerte dal Codice del Terzo Settore all’art 19.

All’iniziativa hanno preso parte l’associazione Ri-Tormo a vivere, Overlimits, Croce Verde, Quarky, Scout Raiders, ACLI, e il Laboratorio di Comunità “Crema Nuova” frutto del Progetto Fare Legami. L’intero percorso si è trasformato in occasione di incontro e confronto dove i volontari si sono raccontati anche grazie a una interessante metodologia denominata Human Library, da tempo sperimentata nel territorio casalasco e mantovano, basata sulla narrazione e trasmissione delle esperienze.

Il volontario diventa un libro vivente che – “sfogliato” attraverso il dialogo diretto con gli studenti – si rende disponibile a discutere esperienze e valori del proprio vissuto. Con l’aiuto delle studentesse della classe 4B_LSU, coordinate dalla professoressa Iris Campostori secondo un piano organizzativo accuratamente predisposto, le 14 classi del Liceo Racchetti hanno potuto passeggiare all’interno della loro scuola incontrando i volontari fra piccoli stand e punti informativi delle associazioni allestiti tra aule, tende da campeggio posizionate in corridoio, palloncini colorati e nasi rossi. Tanto dialogo, ma anche occasioni di sperimentazione diretta dell’impegno volontaristico negli ambiti più disparati: dai manichini su cui esercitarsi per praticare un corretto massaggio cardiaco, fino alla scoperta di bottiglie di plastica riconvertite in orti e giardini portatili.

© Riproduzione riservata
Commenti