Cronaca
Commenta

Giro di vite sulla movida cremasca, controlli a tappeto sul territorio

Giro di vite da parte dei Carabinieri di Crema sulla movida cremasca, e in particolar modo sul divertimento all’insegna della trasgressione, come abuso di alcol e di sostanze psicotrope, con conseguenti comportamenti aggressivi, violenti e vandalici.

A questo proposito, negli ultimi tre fine settimana diversi sono stati gli interventi da parte degli uomini dell’Arma in alcuni locali cremaschi che hanno portato a contestare ad uno di questi, in due occasioni distinte, verbali per aver violato il limite imposto di cessare la musica oltre le ore 24.

I verbali sono stati notificati e successivamente inviati al sindaco del Comune di Crema per l’adozione dei provvedimenti di sospensione dell’attività. I due interventi sono stati eseguiti a richiesta di alcuni cittadini dimoranti nei pressi del fiume Serio che lamentavano la difficoltà del riposo notturno a causa del frastuono causato dalla musica alta.

Per contenere questo fenomeno, unitamente alla Polizia locale di Crema, nella serata di sabato e per tutta la notte sono state impiegate diverse pattuglie controllando sul nascere la movida cremasca nei giardini di p.le Rimembranze e p.za Garibaldi, già dalle ore 21.30, nonché successivamente, per quei giovani che dopo aver ecceduto nell’abuso di sostanze alcoliche/psicotrope, hanno raggiunto le varie discoteche cremasche, evitando che tali eccessi potessero essere causa di grave incidentalità stradale.

Grazie a questo servizio congiunto, non si sono verificati incidenti stradali con feriti, atti vandalici e neppure risse o aggressioni.

I servizi con la Polizia Locale verranno ripetuti anche nei prossimi fine settimana. L’invito che viene rivolto alla comunità cremasca – evidenziano i Carabinieri – è quello di segnalare immediatamente, attraverso il 112, i comportamenti violenti e vandalici posti in essere al fine di intervenire tempestivamente e reprimerli in maniera efficace.

© Riproduzione riservata
Commenti