Ultim'ora
Commenta

Festa della Repubblica, il
sindaco Bonaldi: 'Che sia il 2
giugno della gente comune'

Un appello alla quotidianità, per ritrovare, ogni giorno, i valori che la Costituzione trasmette. E’ l’appello del sindaco Stefania Bonaldi, che questa mattina ha partecipato, insieme agli amministratori e i rappresentanti delle Forze dell’ordine, alle celebrazioni per la Festa della Repubblica.

Dopo la deposizione della corona d’alloro in piazzale Rimembranze il corteo si è spostato in cattedrale per la messa, accompagnato dal corpo bandistico Giuseppe Verdi.

Al termine, al famedio di piazza Duomo, il sindaco ha tenuto il proprio discorso: “Mi sono messa allora a cercare un 2 giugno ordinario, perché solo così possiamo capire che la Repubblica non è un’astrazione, ma un modo di stare insieme che produce azioni e valori che passano inosservati, ma che alla fine contano più delle gesta della politica. Non parlo di quella politica che ci ha regalato la Costituzione, semmai di quella che ne abusa”.

Un 2 giugno che si ritrova in molti episodi cittadini avvenuti di recente, come la consegna della Costituzione ai maggiorenni, l’apertura di un ristorante sociale da parte di Caritas, l’inaugurazione di un nuovo capannone industriale, il corso di educazione stradale ai ragazzi disabili, lo svolgimento del Franco Agostino Teatro Festival, le iniziative della Consulta dei Giovani a sostegno della legalità e molti altri.

“È in questo 2 giugno quotidiano, quello della gente comune, che io credo e al quale mi attacco tutti i giorni quando entro in Municipio e sento il privilegio di servire tutti voi, lo sento come una grave responsabilità proprio perché lo imparo dalla mia gente e non dagli apprendisti stregoni che talvolta tormentano le nostre istituzioni. La società che ci circonda è impregnata di bellezza, che non significa assenza di problemi ma capacità di prenderli sul serio e risolverli per migliorare la nostra vita e quella degli altri”.

In seguito 12 cittadini hanno letto i principi fondanti della Carta Costituzionale e, a conclusione della mattinata, in sala Ostaggi è stato proiettato il cortometraggio “Scintille di Costituzione”.

ab

© Riproduzione riservata
Commenti