Commenta

Piano aria, per il M5s
'Cambiare totalmente
le politiche regionali'

Entro l’estate la Giunta regionale dovrà approvare il PRIA, Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell’Aria, lo strumento di pianificazione quinquennale della Lombardia  per prevenire l’inquinamento e ridurre le emissioni.
“Un miliardo di euro allo Stato e all’Unione Europea. È questa la richiesta dell’Assessore regionale all’Ambiente Raffaele Cattaneo dopo la riunione del Tavolo Aria, con i sindaci e gli operatori economici, che si è insediato ieri in Regione Lombardia. Per il M5S le risorse di Stato e UE sono fondamentali, previo l’inserimento della tutela dell’ambiente al primo posto dell’agenda politica regionale”. A sostenerlo il consigliere regionale Marco Degli Angeli.
“I soldi, da soli, non bastano: serve un cambio di paradigma. La revisione del PRIA, che contiene imprecisioni e contraddizioni, è tra le priorità – prosegue l’esponente pentastellato – A partire dalla riduzione delle emissioni inquinanti delle auto. Da questo punto di vista, è fondamentale adottare un piano pluriennale teso alla conversione dei trasporti da stradali (gli unici che sono stati sostenuti in Lombardia) in ferroviari. Dobbiamo favorire la mobilità sul trasporto pubblico in tutta la regione e trasferite il trasporto merci da gomma a rotaia togliendo dalle strade lombarde il traffico pesante, alimentato esclusivamente da motori diesel”.
“Gli obiettivi del PRIA sono del tutto insufficienti, la Regione Lombardia vive una quotidiana emergenza ambientale e sanitaria. Non  basta poi la sostituzione del parco auto lombardo per limitare l’inquinamento: devono essere ridotti drasticamente i veicoli circolanti. È poi necessaria una regolamentazione delle emissioni sugli impianti domestici (già in atto), e devono essere riviste le politiche Regionali sugli impianti a biomasse per produzione di energia elettrica. Dobbiamo poi rafforzare la rete del verde regionale. La regione deve essere garante dei suoli e delle aree verdi nelle città e opporsi alla cementificazione del territorio.  L’aria è un bene comune”.

© Riproduzione riservata
Commenti