Commenta

Inizia male il cammino
dell'ABO Offanengo nei
playoff: 3-1 con Talmassons

Foto Cda Talmassons

CDA TALMASSONS-ABO OFFANENGO 3-1 (25-14, 16-25, 25-21, 25-18)
CDA TALMASSONS: Cozzo 15, Gogna 9, Facco 7, Lombardo 11, Nardini 11, Giora 3, Ponte (L), Colonnello, Sartori 6. N.e.: Felettig, Neri, Cerruto (L), Battain. All.: Castegnaro
ABO OFFANENGO: Dalla Rosa 10, Borghi 12, Milani 4, Porzio 20, Donarelli 6, Hodzic 7, Portalupi (L), Ginelli 2, Angelini. N.e.: Rancati, Russo, Marchesetti, Riccardi (L). All.: Nibbio
ARBITRI: Claudia Lanza e Filippo Erman

Inizia in salita il cammino dell’Abo Offanengo nei play off di B1 femminile, con la squadra di Giorgio Nibbio battuta sabato 3-1 in Friuli dal Cda Talmassons in gara 1 dei quarti di finale. Contro un’ottima squadra, le neroverdi cremasche non sono riuscite alla lunga a tenere il ritmo delle avversarie, in una partita dove il fattore continuità è saltato, con tre parziali netti e uno solo, il terzo, equilibrato ma finito nella cascina delle padrone di casa. A Offanengo non è bastato un secondo parziale d’autorità (16-25 con ben 8 ace), perché alla lunga il CDA ha saputo far meglio, conquistando la vittoria nel match. Ora il discorso si sposta su gara 2, in programma mercoledì alle 21 al PalaCoim dove l’Abo dovrà per forza vincere (con qualsiasi punteggio) per agguantare la “bella”, eventualmente in programma sabato alle 20,30 sempre a Talmassons.
Nel primo atto, nel complesso Offanengo ha fatto meglio in battuta (11 ace a 1), mentre le friulane hanno saputo essere più positive in attacco, oltre a firmare tre muri in più e a sbagliare almeno una decina di palloni in meno a livello generale. Alla squadra di Nibbio non sono bastati i 20 punti di capitan Noemi Porzio, con Dalla Rosa (10) e Borghi (12) pure loro in doppia cifra. Mercoledì l’Abo potrà far leva sul calore del PalaCoim, sulla voglia di riscatto e sui riferimenti abituali del proprio palazzetto per provare ad animare la serie e continuare a cullare il sogno play off nel momento più alto della storia del sodalizio offanenghese.

“Sapevamo che Talmassons fosse forte su prima palla – ha detto a fine incontro coach Nibbio –  dove ha toccato anche picchi di oltre 70 per cento in attacco, e come sia difficile da fronteggiare se lasciata giocare. Il rammarico è non aver battuto al meglio: lo abbiamo fatto molto bene nel secondo set, mentre in altri frangenti abbiamo avuto un po’ troppa fretta e nel complesso potevamo fare meglio al servizio. Per il resto, il muro-difesa non è andato male. Margini per gara 2? Dovremo aggredire maggiormente l’avversario ed essere più cattivi in alcuni fondamentali e anche più pazienti nei momenti dove Talmassons viaggia a mille. Ora giocheremo in casa e cercheremo di portare la serie alla decisiva gara 3”.

Il programma della serie dei quarti di finale tra Abo Offanengo e CDA Talmassons:
Gara 2: mercoledì 16 maggio ore 21 al PalaCoim di Offanengo
Eventuale bella: sabato 19 maggio ore 20,30 a Talmassons

Nell’altro quarto di finale disputato ieri (sabato), il Lilliput Settimo Torinese ha superato 3-0 la Vinilgomma Ospitaletto. La vincente della serie affronterà chi passerà il turno tra Talmassons e Offanengo

LA PARTITA – L’Abo Offanengo scende in campo con Milani in regia, Hodzic opposta, Porzio e Dalla Rosa in banda, Donarelli e Borghi centrali e Portalupi libero. Talmassons risponde con la diagonale Giora-Facco, con l’asse di posto quattro Cozzo-Lombardo, mentre Gogna e Nardini sono le centrali, con Ponte libero. Prima del fischio d’inizio, capitan Porzio riceve un omaggio dall’Amministrazione comunale del paese udinese.
L’avvio di gara sorride alle friulane (4-1 con muro di Facco su Porzio), mentre è Hodzic a far entrare in partita l’Abo con due attacchi vincenti (4-3). L’ace di Porzio annulla il gap a quota 5, ma il muro di Nardini su Donarelli e l’attacco out di Borghi rilanciano il CDA: 10-7 e time out Nibbio. Talmassons si affida all’esperienza di Lombardo e Nardini per dilatare il gap (15-9); Offanengo ci prova con l’ace di Milani e l’attacco di Porzio (15-12), ma è ancora Gilda Lombardo a prendere per mano le locali, che scappano sul 19-13 (time out Nibbio) e infine chiudono agevolmente 25-14.
Il secondo set è scandito inizialmente dalla battuta: 2-0 con ace di Cozzo, immediata parità con il servizio vincente di Borghi. Il fondamentale è la bilancia del parziale e l’Abo è brava a far pendere l’ago dalla propria parte: prima Milani va a segno (3-4), poi per due volte ci pensa Porzio (4-7). Hodzic trova continuità in attacco e Talmassons accusa il colpo a livello psicologico. Castegnaro cambia Cozzo con la giovane Sartori (ex Busto), ma l’esperienza e la classe di Noemi Porzio lanciano in orbita Offanengo (11-18, time out CDA). Nel finale, dentro Ginelli per Donarelli in battuta con ace immediato, poi due battute vincenti di Dalla Rosa spingono l’Abo verso il 16-25 che pareggia i conti.
L’avvio di terzo set è inizialmente equilibrato, con scambi lunghi che deliziano il pubblico. Le friulane mettono la freccia, prima con Cozzo (6-3), poi con Sartori, confermata in sestetto ma al posto di Facco: 8-4 e time out Nibbio. La risposta delle sue ragazze c’è ed è apprezzabile (9-7), ma le padrone di casa rilanciano immediatamente con la centrale Gogna (12-7). Porzio prova a caricarsi l’attacco neroverde sulle spalle ma trova un errore (16-10, altra sosta della panchina cremasca). Il cuore di Offanengo batte forte (17-14), con l’Abo che ci prova fino alla fine, ma non riesce a recuperare il divario, complice un paio di errori in battuta: 25-21 e 2-1 Talmassons con Cozzo.
Nella quarta frazione, il CDA parte subito bene (2-0), anche se le neroverdi non mollano la presa (6-7 con Porzio). Il turno in battuta di Lombardo, però, è nocivo per l’Abo, che scivola sotto 12-7. Sul 15-9, coach Nibbio ferma il gioco, poi inserisce Ginelli per Hodzic in posto due. Offanengo regge il confronto fino al 19-15, poi cade sotto i colpi delle padrone di casa: 25-18 con Cozzo e 3-1.

 

© Riproduzione riservata
Commenti