Commenta

Il Consiglio approva la
formazione di Commissione
Sicurezza e Coesione Sociale

Unico astenuto il consigliere Coti Zelati. Al tavolo siederanno i rappresentanti dei gruppi consiliari e la Polizia Locale insieme al sindaco e all'assessore Gennuso.

E’ stata approvata in Consiglio alla (quasi) unanimità l’istituzione di una Commissione per la Sicurezza e Coesione Sociale. Unico voto mancante quello del capogruppo de ‘La Sinistra” Emanuele Coti Zelati.

Partiranno quindi a breve i lavori del gruppo, composto dal sindaco Bonaldi – in qualità di presidente – con l’assessore al Welfare Gennuso, un rappresentante per ogni gruppo consiliare, il comandante della polizia locale Semeraro (o un suo delegato) e il segretario generale del Comune. Gli obiettivi della Commissione, che sarà convocata ogni qual volta il presidente lo riterrà necessario, sono quelli di portare all’attenzione delle Forze dell’Ordine le situazioni critiche in materia di sicurezza e i fenomeni che potrebbero destare preoccupazione a livello sociale.

Ma, come spiegato dal primo cittadino, “non si tratta di ricoprire il ruolo di sceriffi”. Infatti la Commissione avrà anche il compito di promuovere la collaborazione tra Enti ed Istituzioni attraverso lo scambio di esperienze nei diversi ambiti di intervento che riguardano la sicurezza urbana e la pubblica sicurezza e di formulare proposte in materia di interventi sulla prevenzione del disagio in generale, attraverso l’educazione civica e alla legalità.

Una proposta trasversale, dunque, che è stata ben accolta da tutte le minoranze. In particolar modo il forzista Simone Beretta, che aveva dato input al sindaco per la costituzione della Commissione, si è detto soddisfatto: “Sono convinto che si potranno fare buone cose”.

Dalla Lega al Pd si sono espressi tutti in modo favorevole. Per Andrea Agazzi, capogruppo del Carroccio, solo qualche dubbio in merito all’effettiva capacità della Commissione di “risolvere i reali problemi dei cittadini. Ma vogliamo intraprendere insieme questo percorso”. Piero Mombelli, invece, ha sottolineato l’importanza del lavoro di prevenzione: “Le telecamere sono importanti per la sicurezza, ma intercettare il disagio lo è altrettanto”.

Anche il Movimento 5 Stelle, pur non essendo presente il consigliere Cattaneo, ha tenuto a sottolineare la valutazione positiva relativa alla Commissione, “con l’auspicio che possa diventare la sede in cui svolgere opportune riflessioni ed individuare efficaci soluzioni per rispondere al bisogno di protezione espresso dai cittadini. Coti Zelati, unico astenuto, ha ammesso di avere “qualche perplessità riguardo la Commissione, perché sono convinto non sia nostro compito occuparti operativamente della sicurezza cittadina”.

I lavori del gruppo partiranno a breve e non prevedono il gettone di presenza. La durata della Commissione Sicurezza e Coesione sociale terminerà con il mandato di Stefania Bonaldi che ha concluso: “Mi auguro che questo possa essere uno strumento consultivo e di confronto”.

Ambra Bellandi

© Riproduzione riservata
Commenti