Cronaca
Commenta

'Dialogo a distanza tra un sacerdote e un filosofo': serata in ricordo di don Agostino

Un dialogo a distanza tra un sacerdote e un filosofo, raccontando il pensiero di don Agostino Cantoni. A 10 anni dalla morte del compianto pastore della comunità di San Giacomo, si terrà una serata in suo ricordo a cura del Gruppo Handy e dell’Unità Pastorale San Bartolomeo e San Giacomo: “Don Agostino e i segni dei tempi”. I testi, curati e scelti dalla professoressa Nuvola de Capua, saranno letti da Luciano Bertoli accompagnato dalle musiche di Mario Piacentini.

Una serata particolare, che mette in luce le due anime conviventi di don Ago, come lo chiamavano i suoi parrocchiani: quella del pensatore e quella del prete. Anime che non lottavano, anzi, unendosi sono riuscite a comunicare parole in un dialogo continuo con il mondo e con Dio. Don Agostino ha creato, attraverso la parola, una connessione profonda con la gente di San Giacomo. E passando dalle parole ai fatti ha messo in pratica il Vangelo, fondando la Casa Famiglia e il Gruppo Handy da cui sono nate le vacanze di condivisione.

Ha stimolato la sua comunità (e non solo) a cogliere quelli che lui chiamava “i segni dei tempi”. Cioè a leggere la realtà cercando di osservare i mutamenti del mondo andando oltre la soglia di casa, a prendere ciò che di buono offre la vita e cambiando quello che, secondo gli insegnamenti di Gesù, poteva essere reso migliore. “Non si vede bene che col cuore. L’essenziale, è invisibile agli occhi” era una delle sue citazioni preferite, presa da “Il piccolo principe” di Antoine de Saint-Exupéry.

Don Agostino potrebbe essere definito un prete ‘rivoluzionario’ per il suo tempo, basta pensare all’idea della messa di Natale celebrata nella palestra Bertoni, significato di una chiesa che va incontro alle persone.

Persone che ruotano e si stringono attorno a lui, come i petali di un fiore. Una rosa. “È il tempo che  hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante… La mia rosa siete voi”, diceva ai propri parrocchiani citando ancora Saint-Exupéry. E dopo dieci anni quella rosa continua a sbocciare nel suo ricordo.

La serata dedicata a don Agostino si svolgerà sabato 7 aprile alle 21 nella chiesa di San Giacomo.

Ambra Bellandi

© Riproduzione riservata
Commenti