Commenta

Grande Pergolettese:
finisce 2 a 1 contro
la capolista Rezzato

“E’ stato il più bel primo tempo che ho visto giocare da una mia squadra, da quando ho iniziato a fare l’allenatore.” Si è presentato con questa frase mister De Paola, in sala stampa al termine della vittoriosa gara contro la capolista Rezzato. In settimana in previsione dell’arrivo della capolista, aveva chiesto ai suoi ragazzi di imprimere sin dall’inizio un ritmo alto, con l’obiettivo di mettere in difficoltà i più blasonati avversari, e così è effettivamente avvenuto.

Sin dal fischio d’avvio la “fame agonistica”, che ha caratterizzato i giocatori gialloblu ha fatto la differenza in campo, costringendo gli avversari bresciani a badare con attenzione alla fase difensiva. Il gioco aggressivo, messo in mostra dai padroni di casa è stato da applausi e di una precisione svizzera negli scambi e nelle sovrapposizioni degli esterni che sono andati spesso al cross. Non per  niente il primo gol di  Ferrario è scaturito da un cross perfetto di Boschetti dalla destra, messo in rete dal bomber con un preciso colpo di testa.

Neanche il tempo di organizzare una reazione, che gli ospiti si sono trovati sotto di due gol, grazie al raddoppio sempre di Ferrario con una conclusione precisa nell’angolino dopo uno scambio con Poesio. L’inizio micidiale della Pergolettese non ha concesso tregue e un  minuto dopo il raddoppio è stato ancora Boschetti a sfiorare il terzo gol, con una conclusione in diagonale che ha lambito  il palo. Choccati e incapaci di abbozzare una reazione, i tifosi al seguito della capolista hanno dovuto attendere il 25′ per vedere una conclusione verso la porta di Leoni, su un calcio di punizione battuto da Jadid sul quale il portiere di casa è riuscito, distendendosi, a deviare il pallone in angolo.

La replica dei gialloblu è arrivata con un colpo di testa di Poesio sventato da una prodezza di Lancini. Nella fase finale dello tempo Rezzato in avanti e Pergolettese in difesa e pronta a ripartire sfruttando gli spazi liberi. Solo un po’ di imprecisione nell’ultimo passaggio non ha permesso a Manzoni &Co. di sfruttare al meglio un paio di situazioni favorevoli. Prima della chiusura di tempo un doppio cambio per la panchina bresciana con l’ingresso di Diogo e Sane al posto di Gualdi e Mecca. Al fischio di metà tempo uno scroscio di applausi ha  accompagnato i gialloblu negli spogliatoi.

Nella ripresa subito in avanti gli ospiti, con una conclusione dell’applaudito ex Bertazzoli, respinto da Leoni che poi Caridi ha scaricato sull’esterno della rete. Tra il 50′ e il 52′ due brividi per parte. Dopo un paio di tentativi senza grosse pretese di Jadid e Bertazzoli, mister Filippini ha provato ad immettere più esperienza in campo con gli ingressi di Cazzamalli e Mair. La pressione in avanti del Rezzato si è fatta più continua, ma senza mai creare grossi pericoli in area della Pergolettese dove hanno padroneggiato i due centrali Baggi e Contini. Un paio di tentativi da fuori area per entrambe le squadre hanno fatto da preludio al forcing finale degli ospiti, con i gialloblu che hanno fatto leva sulla insuperabile linea difensiva. Molte le mischie create in area sempre risolte dai difensori di casa, fino a 3 minuti dal novantesimo quando Mair con un tiro fortunoso da breve distanza con la punta della scarpa ha accorciato le distanze riaccendendo le speranze del Rezzato. Minuti finali incandescenti fino al triplice fischio di chiusura, che ha dato il via ai festeggiamenti sotto il settore degli ultras della curva sud. E’ stata una bella gara, combattuta e carica di pathos. Una prestazione , quella della Pergolettese, che, sopratutto quella del primo tempo, rimarrà’ nella mente del pubblico accorso al Voltini.

Unico neo di giornata, il cartellino giallo di Ferrario che, giunto alla quinta ammonizione, dovra’ saltare la prossima trasferta di Romano di Lombardia. Per il Rezzato seconda sconfitta consecutiva per 2 a 1che ha riaperto la corsa al vertice, avendo adesso la Pro Patria a soli due punti ma con ancora da effettuare la giornata di stop.

© Riproduzione riservata
Commenti