Commenta

Vaccinazioni, entro 20 marzo
chi non è in regola sarà
sospeso. Un solo caso a Crema

I bambini di asili nido e scuole materne che entro il 20 marzo non avranno effettuato il vaccino o non avranno comunque preso appuntamento con l’Ats per potersi vaccinare, non potranno più essere accolti a scuola. Il Comune di Crema, avvalendosi della proroga prevista per legge, sta approfittando di questi ultimi giorni per sbrigare le ultime pratiche.

In ogni caso la situazione è sotto controllo, in quanto risulta un unico caso in città, alla scuola dell’infanzia Iside Franceschini. “Ho avuto un cordiale colloquio con la madre della bambina non ancora vaccinata – ha spiegato l’assessore all’Istruzione Attilio Galmozzi – E abbiamo concordato che, pur non essendo favorevole alla profilassi, ci avrebbe riflettuto”. Ad oggi, però, la bambina non risulta coperta dal vaccino, né ha ancora fatto richiesta all’Asl per effettuarlo. “Se entro il 20 marzo non si metterà in regola, la bambina, per legge, andrà sospesa dall’attività didattica”, ha concluso Galmozzi.

Tutti vaccinati, invece, i piccoli del nido comunale. “Avevamo avuto un solo caso di mancata profilassi – ha affermato l’assessore Michele Gennuso – ma non è più di competenza del Comune di Crema, in quanto la madre, non avendo intenzione di vaccinare il bambino, lo ha trasferito in un istituto del Lodigiano”.

ab

© Riproduzione riservata
Commenti