Commenta

Università: incontro Acsu
e aziende di meccanica
e meccatronica

Ieri Acsu, l’Associazione Cremasca Studi Universitari, ha incontrato le aziende della meccanica/meccatronica presenti sul territorio e in seguito alcuni sindaci dell’Area Omogenea Cremasca, nell’ambito del giro di confronti sul destino del dipartimento di Informatica a Crema, interessato da una delibera dei docenti favorevoli alla riunificazione delle sedi a Milano in via Celoria.
Acsu ha fissato un appuntamento con il Rettore prof. Vago per il 14 marzo, data in cui Acsu intende arrivare con una posizione unitaria del territorio.
All’incontro di ieri erano presenti per Acsu il presidente Stefania Bonaldi, Giulio Baroni di Confartigianato, Marco Bressanelli di Libera Artigiani. Diverse le realtà dell’industria che hanno partecipato: Aramini, Bettinelli, Bosch, Deca Engineering. Hanno partecipato anche il dirigente dell’Itis Galilei, Angelo Bettinelli, Ilaria Massari, direttore di Reindustria, e per il Comune l’assessore Morena Saltini e Fausto Ruggeri.

Anche in questo caso, come avvenuto in precedenza all’incontro con le aziende della cosmesi, è emersa la necessità di una mappatura dei bisogni formativi di queste aziende del territorio, interessate a cooperare nella creazione di di ITS e IFTS post-diploma ritagliati su misura. La disponibilità degli imprenditori in questo senso è risultata assoluta e convinta, anche nell’ottica delle forti innovazioni a cui è sottoposto questo settore industriale, quali la connettività 4.0, le nanotecnologie, il machine learning.

Il secondo incontro, sempre al polo didattico di via Bramante, ha visto confrontarsi Acsu coi sindaci dell’Area Omogenea, presente anche il presidente della Provincia, Davide Viola. Il tema portante, in questo caso, è stato quello della sede universitaria e del trasferimento del diritto reale su di esso dalla provincia ai comuni. La volontà dei sindaci, espressa dal presidente del Coordinamento dell’Area, Aldo Casorati va nella direzione di rilanciare il territorio facendo perno su una infrastruttura per molti versi unica e imperdibile quale l’università.

© Riproduzione riservata
Commenti