Ultim'ora
Commenta

Regionali: cdx pigliatutto
Il seggio di minoranza se
lo giocano Pd e M5s

Anche a Crema ha vinto Attilio Fontana (46,19% con 8.688 voti), candidato alla presidenza di Regione Lombardia per la coalizione di centrodestra e sostenuto da 6 liste (Lega Nord, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Partito Pensionati, Energie per la Lombardia e Noi con l’Italia – Udc).

La Lega nord fa il botto anche alle Regionali, in linea con i risultati delle politiche, e si conferma il partito più votato in città, con il 28,43% (4.991 voti). Forza Italia si attesta al 14,57%, mentre Giorgia Meloni non arriva al 3%. Le preferenze verso i candidati consiglieri del centrodestra hanno evidenziato, nel partito di Berlusconi, un’affermazione tutta cremasca di Simone Beretta (526 voti) su Carlo Malvezzi (259 voti), che però ha sbancato il Cremonese e quindi probabilmente riprenderà il proprio ruolo in consiglio regionale. Tra le fila del Carroccio i più votati sono l’assessore uscente Cristina Cappellini e il soresinese Federico Lena.

Il principale sfidante di Fontana, Giorgio Gori, si è fermato a 6.686 voti, pari al 35,47%. Non sono bastate le civiche a suo sostegno e la presenza del Pd, che si è fermato al 25,5% mentre la lista Gori Presidente ha di poco raggiunto quasi il 4%. Tra i candidati consiglieri il più votato in città è il segretario provinciale del Partito Democratico Matteo Piloni, che ha ottenuto 1.681 voti. Segue Elisabetta Nava con 423 preferenze. Ma questo risultato potrebbe non bastare ai Dem, che rischiano di non ottenere il seggio di minoranza in Regione.

Seggio che potrebbe passare nelle mani del Movimento 5 Stelle, il cui candidato presidente Dario Violi ha ottenuto il 14,96% dei voti. Tra i candidati pentastellati in città Marco Degli Angeli è arrivato a 121 preferenze, seguito da Federica Zana (69 voti), Anna Sari (22) e Federico Balestreri (7).

Desolante il risultato di Liberi e Uguali e del candidato al Pirellone Onorio Rosati, ex sindacalista Cgil, che si ferma sotto il 2% (anche se la lista a lui collegata ha raggiunto il 2,11%).

I consiglieri regionali espressi dalla provincia di Cremona, comunque, saranno 3. Certamente due seggi andranno al centrodestra (Malvezzi e, per la Lega, forse uno tra Cappellini, Lena e Bongiovanni). I resti dovrebbero consentire l’elezione di un consigliere di minoranza. Potrebbe essere del Pd e quindi toccare a Piloni primo di gran lunga per le preferenze oppure a un rappresentante dei 5 stelle. Nella nottata probabilmente usciranno i nomi degli eletti.

Ambra Bellandi

 

© Riproduzione riservata
Commenti